L'incidente sarebbe avvenuto martedì in prossimità dello stretto di Hormuz, come ha fatto sapere un funzionario della Difesa #USA. L'atto si aggiunge ai dubbi di Washington, circa le operazioni dell'Iran nella #guerra civile siriana. Il funzionario, che ha voluto mantenere l'anonimato, ha dichiarato mercoledì che due dei mezzi iraniani venuti a breve distanza della USS Nitze, hanno rischiato di creare un incidente che poteva rivelarsi pericoloso. Il funzionario ha fatto sapere che le imbarcazioni hanno inseguito il cacciatorpediniere "conducendo una intercettazione ad alta velocità e si sono portate a breve distanza dal Nitze, nonostante i ripetuti avvertimenti". Ha poi aggiunto che, durante i fatti di martedì, la USS Nitze ha cercato di comunicare con le navi iraniane 12 volte, ma non ha ricevuto alcuna risposta.

Pubblicità
Pubblicità

Inoltre, la nave americana, ha sparato 10 razzi di segnalazione in direzione di due delle navi iraniane.

"Le manovre di avvicinamento iraniane ... hanno creato una situazione pericolosa che avrebbe potuto portare a un'ulteriore escalation, comprese ulteriori misure difensive da parte del Nitze," ha dichiarato il funzionario. La USS Nitze ha dovuto cambiare rotta al fine di prendere le distanze dagli iraniani. La Guardia Rivoluzionaria della Repubblica islamica, sospetta gli Stati Uniti di voler continuare l'attività militare in prossimità delle frontiere iraniane con la stessa intensità precedente all'accordo nucleare dello scorso anno tra l'#iran e sei potenze mondiali, tra cui gli USA stessi. Gli Stati Uniti, sono a loro volta preoccupati per il sostegno che l'Iran ha concesso al presidente siriano Bashar al-Assad, oltre che per il suo programma di missili balistici e il suo sostegno per le milizie sciite in Iraq. 

Tali incidenti nel Golfo fra le due potenze, sono sempre più frequenti e si sommano a quelli avvenuti nei mesi passati, come il "sequestro" dei marinai statunitensi che erano penetrati nelle acque territoriali iraniane a bordo di un'imbarcazione, poi rilasciati nelle 15 ore successive all'incidente.

Pubblicità