Parole di cattivo gusto, che faranno molto discutere sono quelle pronunciate dal segretario nazionale della #Lega Nord Matteo #Salvini, appena appreso della morte a 95 anni dell'ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio #Ciampi.

"Ciampi fu un traditore. Ha svenduto moneta e futuro dell'Italia"

Ecco quanto ha dichiarato Salvini a SKY Tg24 "Politicamente parlando Ciampi è uno dei traditori dell'Italia e degli italiani, come Napolitano, Prodi e Monti. Si porta sulla coscienza il disastro sulle spalle di 50 milioni di italiani. Rispetto per la morte ma politicamente, come per Napolitano, lo considero uno da processare come traditore". Poco dopo Salvini scrive anche un post sulla propria pagina ufficiale Facebook in cui ribadisce il concetto: "È morto Carlo Azeglio Ciampi.Come per tutti, cordoglio e un pensiero alla famiglia.Senza dimenticare però che fu uno dei tanti (da Napolitano a Scalfaro, da Prodi a Monti) a svendere il lavoro, la moneta, i confini e il futuro dell'Italia."

Di tutt'altro tenore sono invece le parole di cordoglio espresse dal resto del mondo politico, che in queste ore sta esaltando sotto diversi punti di vista la figura del presidente emerito, scomparso stamani a 95 anni.

Pubblicità
Pubblicità

Chi era Carlo Azeglio Ciampi

Nato a Livorno il 9 dicembre 1920, laureato in Lettere alla Normale di Pisa. Carlo Azeglio Ciampi fu presidente della Repubblica fra il 1999 e il 2006. Prima era stato per quattordici anni Presidente della Banca d'Italia (fra il 1979 e il 1993), prima di accettare l'incarico di Presidente del Consiglio del Ministri, ruolo coperto fino al 1994. Europeista convinto, da ministro del Tesoro dei Governi Prodi e D'Alema fu uno dei principali fautori dell'ingresso dell'Italia nell'Euro. Durante il suo settennato al Quirinale si impegnò molto per il ripristino dell'orgoglio patriottico con una maggiore diffusione dell'Inno di Mameli e del Tricolore; fu lui a volere che la data del 2 giugno diventasse a tutti gli effetti una giornata festiva per celebrare il referendum in cui gli italiani scelsero la Repubblica.

Pubblicità

Si è spento in una clinica a Roma questa mattina, lascia la moglie Franca.