Oggi, 19 settembre 2016, esce sul web il primo capitolo di 'Supernova', un libro scritto da Marco Canestrari e Nicola Biondo che narra come è stato annientato il MoVimento, un volume che rischia di mettere in disagio Grillo e tutti i grillini.

Biondo e Canestrari conoscono bene il MoVimento

Forse non tutti sanno che, prima di morire, il guru del #M5S Gianroberto Casaleggio aveva litigato con Beppe Grillo. I 'dioscuri pentastellati' erano ai ferri corti. A troncare la collaborazione era stato proprio Casaleggio, il potente avvocato piemontese che aveva permesso a Grillo di centrare un importante obiettivo. Questa ed altre informazioni sono contenute in 'Supernova', libro che uscirà tra un paio di mesi sul sito supernova5stelle.it.

Pubblicità
Pubblicità

Oggi, però, esce sul web il primo, interessante, capitolo del volume finanziato mediante Produzioni dal Basso, una piattaforma di crowdfunding. 'Supernova' non è stato scritto da 2 sprovveduti ma da Marco Canestrari e Nicola Biondo: il primo, dal 2007 al 2010, ha collaborato con la Casaleggio associati; il secondo è stato capo della comunicazione del M5S alla Camera.

Nel libro si legge che, qualche giorno prima di morire, Gianroberto Casaleggio chiamò Beppe Grillo e gli disse: 'Non ti voglio più sentire'. Il comico ligure non ebbe modo di riappacificarsi con l'amico che, qualche giorno dopo, passò 'a miglior vita'. Le lacrime di Grillo al funerale di Casaleggio, forse, erano dovute anche al fatto che non aveva avuto la possibilità di riconciliarsi con Gianroberto. 

Grillo dipinto come un leader 'insofferente'

Biondo e Canestrari sostengono che Grillo e Casaleggio avevano battibeccato per le diverse visioni.

Pubblicità

Il comico ligure si vedeva, in un certo senso, estromesso dai giochi. Casaleggio pensava solo alla sua azienda e ai parlamentari grillini, che reclamavano una maggiore autonomia, una posizione che non fosse all'ombra del blog di Grillo.

Beppe Grillo viene dipinto da Biondo e Canestrari come un leader 'insofferente' che non si riconosce più in quello che lui stesso, assieme a Casaleggio, ha creato. Il comico e politico ligure, secondo gli autori di 'Supernova', teme i 'ragazzini cattivi' come Di Maio e Di Battista.