#Shimon Peres è scomparso ieri a 93 anni colpito da un ictus circa due settimane fa e da cui non è riuscito a ritrovare la forza neccessaria per rimettersi in salute. Come uomo politico ha dovuto misurarsi con decenni di avversità. Nato in Polonia a Visneva (oggi appartenente alla Bielorussia) il 2 agosto 1923  è stato un poltico israeliano molto importante, all'età di 11 anni Peres emigrò con la sua famiglia verso la Palestina, all'epoca sotto il governo britannico, scampando alla furia nazista che a breve avrebbe decimato gli ebrei del Europa Orientale.

Qualche anno dopo avrebbe incontrato David Ben Gurion che lo spinse, dopo la seconda guerra mondiale, a combattere per la nascita dello Stato di #Israele, una patria nuova e forte per gli scampati all'Olocausto, "Sono stato falco quando l'esistenza di Israele era minacciata e colomba quando vedevo un opportunità di #pace" dichiarò anni dopo.

Pubblicità
Pubblicità

Fin dai primi anni ha coperto diversi incarichi di rilevo presso le istituzioni di Israele, operando anche come Primo Ministro nei periodi 1984 al 1986 e e nel 1995/96, nonché come Ministro degli Esteri, della Difesa, dei Trasporti e infine delle Finanze. Divennè poi il Presidente di Israele dal 2007 al 2014 ed esponente sempre in prima linea del Partito Laburista Israeliano, dove è stato leader ininterrotto dal 1977 al 1992 e successivamente in alcune occasioni fino al 2005.

L'anno più importante e influente per la sua carriera politica ma anche come grande riconoscimento personale verso il mondo intero fu nel 1994, dove gli  venne assegnato insieme a Yitzhak Rabin e Yasser Arafat il Premio Nobel per la Pace per gli sforzi  compiuti ad assecondare il processo di pace nel Medio Oriente, culminati in fine con gli Accordi di Oslo.

Pubblicità

Il 13 giugno 2007 con 86 voti a favore e 23 contrari al secondo scrutinio come unico candidato, Shimon Peres viene eletto presidente dello Stato di Israele.  Fino all'ultimo Shimon Peres, ha svolto il ruolo di coscienza critica del suo paese, contrastando ogni tipo di chiusura, convinto che se si voglia veramente ottenere la pace essa la si possa volere solo in due.