Premiare i cittadini più virtuosi perché partecipano in misura maggiore alla raccolta differenziata, attraverso sconti sulla tassa sui rifiuti tanto maggiori quanto più alta è la quantità di differenziata conferita, è uno strumento ampiamente condiviso per diffondere la cultura della differenziata e scoraggiare coloro che - al contrario - si attardano a produrre quasi esclusivamente indifferenziata. Tuttavia, il Comune di Solarino, dopo avere individuato dei coefficienti di riparto che avrebbero permesso di applicare lo strumento della premialità, scoraggiando i cittadini meno virtuosi, all'atto dell'arrivo in aula della proposta della tassa sui rifiuti per il 2016 ha fatto un clamoroso passo indietro. Nonostante ci siano a Solarino contribuenti che hanno affollato il centro comunale di raccolta registrando puntualmente i conferimenti di rifiuti differenziati, questi contribuenti verranno trattati alla stessa maniera di chi invece non si è preso la pena di conferire.

Pubblicità
Pubblicità

Ci sarà a dicembre una riduzione di dieci euro per tutti.

Paradossi della nuova tariffa

Di contro, la tariffa della spazzatura aumenta soprattutto per le abitazioni di medie dimensioni e per le famiglie più numerose. "Secondo una tabella che abbiamo sviluppato - afferma il consigliere comunale di opposizione Michele Gianni - una famiglia di due persone che vive in una casa di 120 metri quadrati registrerà un aumento del 3%, mentre una famiglia di quattro persone nella stessa casa vedrà un aumento del 6,5%. Paradossalmente, una famiglia di due persone che vive in una casa di 215 metri quadrati vedrà la tariffa diminuire dello 0,1% nonostante si tratti di un nucleo più benestante. Si tratta di una proposta inaccettabile dal punto di vista del buon senso".

Le dichiarazioni del Sindaco

Il sindaco di Solarino, Sebastiano Scorpo, dal canto suo, come riportato dal sito on line 2minutesweb.com, nell'articolo redatto da Roberto Rubino, sostiene che "differenziare è un obbligo per i cittadini, che non devono pensare che la premialità sia un diritto imposto dalla legge".

Pubblicità

#Pubblica Amministrazione