La notizia relativa all'indagine aperta dalla Procura di Roma a carico dell'assessore Paola Muraro è una bomba mediatica molto forte. Inevitabili i clamori scatenati nel mondo politico: in questo modo l'amministrazione del sindaco Virginia Raggi ha i fianchi scoperti dinanzi agli attacchi degli avversari. Ed il primo ad andarci giù pesante è Stefano Pedica, avversario di Roberto Giachetti alle primarie del PD per la scelta del candidato sindaco di #Roma. L'ex senatore di Italia dei Valori non usa mezzi termini, "Virginia Raggi deve dimettersi".

'Ha preso in giro tutti'

"Grillo si è fermato a Roma, altro che forza di governo", commenta ironicamente Stefano Pedica prendendo spunto dalla notizia relativa all'indagine a carico dell'assessore Muraro.

Pubblicità
Pubblicità

"Se è vero che era iscritta nel registro degli indagati prima della sua nomina e che Virginia Raggi sapeva tutto, è palese che quest'ultima ha preso tutti in giro e pertanto le resta soltanto una cosa da fare: deve dimettersi e far tornare Roma al voto". Pedica rincara la dose, definendo Virginia Raggi uno "tsunami per tutto il Movimento Cinque Stelle la cui fine è sempre più vicina. In questo modo si è giocata la sua credibilità e quella di tutto il partito". Nei giorni scorsi, a seguito delle dimissioni dell'assessore Minenna [VIDEO], del capo di gabinetto e dei dirigenti delle partecipate, era arrivato anche l'attacco di un altro esponente del Partito Democratico, il senatore Stefano Esposito. "Roma rischia di piombare nel caos a causa della guerra interna al Movimento Cinque Stelle e non può assolutamente permetterselo".

Pubblicità

Non era stato tenero neppure il deputato del PD, Andrea Romano. "Superstipendi, incapacità e nessuna trasparenza, ecco i primi cento giorni dell'amministrazione Raggi. Sono andati in frantumi prima di partire". Le bordate sono arrivate anche da altri gruppi politici. "La giunta Raggi ha iniziato male e sta proseguendo peggio - ha sottolineato il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta - ed è la dimostrazione che non ci si improvvisa amministratori e governanti. I romani non meritano questo". #M5S