Dopo mesi il Consiglio dei Ministri ha scelto la data in cui i cittadini saranno chiamati alle urne, stabilendo che il #referendum costituzionale si terrà domenica 4 dicembre. In questi giorni partirà la vera campagna elettorale sia dal fronte del governo, con il premier #Matteo Renzi in prima linea per le ragioni del Si, che da parte dei comitati per il No.

Vediamo lo stato attuale dei partiti e le intenzioni di voto degli italiani.

I sondaggi dell'istituto Piepoli

Per l'istituto Piepoli, ad essere in vantaggio per quanto concerne il voto del referendum costituzionale il No è in vantaggio. Gli elettori favorevoli alla riforma sono del il 46%, a fronte del 54% del No, ed un 33% di indecisi.

Pubblicità
Pubblicità

Mentre per quanto concerne le intenzioni di voto, attualmente per l'istituto il PD resta il primo partito con il suo 32%, seguito dal M5S con il 27,5%. La Lega Nord si attesta all'11,5% con Forza Italia all'11%. Mentre abbiamo Fratelli d'Italia – An al 5%, Sinistra Italiana al 2,5% e Area Popolare al 3,5%.

I sondaggi di Emg divulgati dal tg La 7

Anche per Emg il Partito democratico è il primo partito con il 31,2% seguito a ruota dal M5S al 29,5%. In crescita invece la Lega Nord con il 12,1% e Forza Italia all'11,9%. Per quanto riguarda la situazione dei partiti minori abbiamo Fratelli D'Italia – An al 4,3%, con Sinistra Italiana che sale al 3,9% e Area Popolare al 3,3%. Anche per l'istituto di ricerca Emg La 7, il No al referendum costituzionale è in vantaggio, in aumento di 1,4% rispetto ad una settimana fa.

Pubblicità

Gli elettori contrari alla riforma costituzionale sono il 35,5%, mentre quelli favorevoli sono il 29,6%, con un 34,9% di indecisi. Mentre il dato sull'astenzione è pari al 44,1%. Ed è proprio su questa fetta di italiani, tra chi è indeciso e chi si vuole astenere, che si concentreranno questi due mesi di campagna elettorale che ci porteranno al voto del prossimo 4 dicembre. Per restare sempre aggiornati in merito alle ultime notizie premi il tasto segui che trovi in alto a destra accanto al nome dell'autore di questo articolo. #Sondaggi politici