Dopo il servizio mandato in onda da Le Iene su Italia1 è divenuto suo malgrado uno dei simboli di contrapposizione della battaglia sul #referendum costituzionale. Roberto Benigni, infatti, è finito nell’occhio della critica schierata per il No per aver pubblicamente dichiarato il suo sostegno alla Riforma del governo Matteo Renzi. Una giravolta in piena regola, secondo gli accusatori, che hanno più volte ricordato al comico aretino di essere stato nel recente passato un simbolo della valorizzazione della Costituzione che il 4 dicembre rischia di essere destrutturata.  Nel 2012, infatti, Benigni portò in scena su Rai1 il suo monologo sulla Carta dal titolo “La più bella del mondo”.

Pubblicità
Pubblicità

Lo spettacolo ottenne un boom di spettatori straordinario anche se non mancarono le critiche sul mistero relativo al cachet incassato dal comico. Nel corso dell’intervista de Le Iene Benigni ha confermato la sua volontà di votare Sì. Sollecitato sul dietrofront compiuto sul tema della bontà della Costituzione, infine, il comico ha ricordato che il Referendum riguarderà solo la seconda parte così come da volontà degli stessi Padri Costituenti che la scrissero.     #Roberto Benigni #Ra1