#Donald Trump è ancora in sella. Malgrado gli scandali sessuali, le scivolate e il calo nei sondaggi, ci sono segnali che indicano come sia ancora insidiosa la corsa del magnate repubblicano.

La ricerca su cui si basa il responso reso noto da “MoglA”, un elaborato sistema di intelligenza artificiale, prende in esame il contenuto delle discussioni interne ai principali social network attivi negli Stati Uniti. Non solo la mappatura semantica, ma la proprietà positiva o negativa di queste interazioni e la loro capacità di persuasione in rete. Ne emerge un quadro che traccia algoritmi sempre più precisi, sondando in primo luogo Google, Facebook, Twitter e YouTube, ma non solo.

Pubblicità
Pubblicità

Il sistema di “lettura” della mappatura politica della Rete è andato affinandosi nel tempo e ha consentito di rivelare con precisione e in congruo anticipo gli esiti delle ultime tre tornate presidenziali.

Il sistema è nato per una intuizione di Sanjiv Rai, fondatore della start up indiana Genic.ai ed ha sondato con successo eventi internazionali sui quali era richiesta l’analisi predittiva. Ma cosa indica nella fattispecie della sfida tra #hillary clinton e Donald Trump?L’esito che ha reso noto è che l’esponente repubblicano ottiene un livello di partecipazione e di coinvolgimento superiore a quello totalizzato da Barack Obama, con una percentuale di interazioni positive sorprendente. E rispetto alle accuse di molestie e sessismo, Trump passa indenne sui social network mentre accusa il colpo in televisione.

Pubblicità

L’emittente Cnbc ha interrogato Sanij Rai sugli effetti della sua analisi predittiva: "Se Trump dovesse in effetti perdere, smentirebbe per la prima volta la tendenza registrata negli ultimi dodici anni dal nostro sistema di digital intelligence”, ha dichiarato l’ingegnere indiano. Anche se Hillary Clinton ritiene di avere la vittoria in tasca, è richiesta quindi attenzione e maggior investimento sui social network, animando gruppi di discussione e social media manager capaci di moltiplicare l’awareness e la percezione positiva della candidata democratica. #Election Day