Monica Lewinsky, l'ex stagista della Casa Bianca che, negli anni '90, fu la protagonista di uno scandalo che investì anche il presidente americano Bill Clinton, oggi ha 43 anni e ricorda quel brutto periodo. L'ex amante di Clinton ha detto che per anni è stata offesa e umiliata. A un certo punto ha pensato anche al suicidio

Monica Lewinsky contro il cyberbullismo

La Lewinsky ha parlato nuovamente della sua non felice esperienza durante un convegno dell'Australian Association of National Advertisers, a Sidney. Monica ha confessato di essersi innamorata del suo capo a 22 anni ma 2 anni dopo comprese gli effetti negativi della scelta di essere l'amante di Bill Clinton, all'epoca presidente degli Stati Uniti.

Pubblicità
Pubblicità

La 43enne riconosce i suoi sbagli ed è mortificata. Oggi l'ex stagista della Casa Bianca è una donna matura ma non dimenticherà mai le offese ricevute dopo lo scandalo alla Casa Bianca che, inevitabilmente, rovinò la reputazione di Bill Clinton. Monica Lewinsky vuole schierarsi contro il cyberbullismo e lo fa a modo suo, con la sua testimonianza. Non ha avuto remore, Monica, nel confessare di aver pensato anche al suicidio. 

Il 'prezzo della vergogna' è stato pagato

L'ex amante di Bill Clinton ha asserito di essere stata umiliata in ogni modo dal momento in cui l'affaire balzò agli onori delle cronache. Monica ha sottolineato che sul web ha letto parole e frasi sconce, agghiaccianti e offensive sul suo conto.  La Rete, insomma, ha fatto stare male la Lewinsky. Questa ha detto più volte di aver sofferto moltissimo quando, all'improvviso, finì su tutti i tabloid del mondo per uno scandalo a luci rosse.

Pubblicità

Aveva solo 22 anni ma le offese che ricevette furono tantissime. 

Ha pagato il suo conto la 43enne, anzi è stato pagato quello che lei definisce il 'prezzo della vergogna'. Monica Lewinsky si trovò davanti a una situazione molto più grande di lei. Era impotente davanti alle migliaia di umiliazioni e offese. L'ex amante di Bill Clinton sa bene cosa significa finire sulla gogna mediatica. All'epoca non c'erano ancora i social network ma, comunque, la ragazza venne colpita da una pesante 'sassaiola virtuale'.  #Esteri