A meno di due mesi dall'apertura delle urne per il referendum costituzionale, Forza Italia accusa la Tv di stato di aver concesso troppo spazio nei talk show al premier Renzi per propagandare le ragioni del Si, inoltre sotto accusa è finito lo spot sul referendum trasmesso dalla Rai, che secondo i dirigenti del partito di Berlusconi sarebbe ingannevole, al punto che annunciano la presentazione di una denuncia nei confronti della Presidente della Rai Monica Maggioni.

Le accuse dei vertici di Forza Italia

Un articolo a firma di Sergio Rame su Il Giornale conferisce ampio risalto ai mal di pancia di alcuni dirigenti di Forza Italia, che accusano il premier di "occupare" la Tv di Stato per influenzare il voto dei cittadini in vista del referendum del 4 Dicembre, e ribaltare una situazione che vede il No in lieve vantaggio sul Si.

Pubblicità
Pubblicità

L'ex ministro allo sviluppo economico nel IV #Governo Berlusconi, Paolo Romani, definisce senza mezzi termini "pubblicità ingannevole" lo spot sul referendum trasmesso dalla Rai,  sostenendo che il titolo della legge riportato nel quesito referendario è di parte, ovvero dovrebbe spingere indirettamente l'elettore ad orientarsi per il Si.

Brunetta afferma di voler denunciare Monica Maggioni

L'ex ministro Brunetta sostiene che il contestato spot rappresenti una "chiara violazione della legge sulla par condicio", e annuncia che Forza Italia presenterà denuncia nei confronti della presidente della Rai Monica Maggioni. Ma oltre allo spot a finire sul banco degli imputati sono anche le frequenti ospitate del premier nei programmi della Tv di Stato, dove non perde occasione per parlare del referendum.

Pubblicità

Brunetta chiede che i sostenitori del No al referendum abbiano gli stessi spazi televisivi concessi al premier

Rame conclude il suo articolo evidenziando come la campagna referendaria sia solo all'inizio, e prevede che la propaganda si intensificherà man mano che la scadenza si avvicina. "Dai monologhi televisivi alla carta stampata, il premier ha a disposizione una macchina della propaganda micidiale per convincere gli italiani". #Matteo Renzi #referendum costituzionale