Questo sabato 29 ottobre è molto intenso di iniziative nella campagna elettorale verso il #referendum costituzionale.

Se il premier #Matteo Renzi e il PD hanno convocato una grande manifestazione nazionale per il Sì in Piazza del Popolo a Roma, i comitati per il No hanno invece indetto una giornata densa di iniziative in giro per il territorio nazionale e in particolare i gruppi che contestano la Riforma da sinistra hanno organizzato "100 piazze per il No" in tutte le Regioni italiane.

"Il potere nelle mani di pochi: un'idea vecchia di 2000 anni"

In tale contesto una delle azioni senza dubbio di maggiore impatto sul piano simbolico è quella che si è svolta nella tarda mattinata di questo sabato a Roma fra il Colosseo e l'Arco di Costantino.

Pubblicità
Pubblicità

Alcune decine giovani vestiti da antichi senatori romani hanno infatti srotolato un grande striscione con su scritto: "Il potere nelle mani di pochi: un'idea vecchia di 2000 anni". Inoltre vi è stata una lettura in lingua latina da parte di uno studente, a cui sono seguiti altri interventi in italiano, sulle condizioni sociali ed economiche che contraddistinguono le giovani generazioni odierne.

Il chiaro ed evidente obiettivo è quello rispondere con ironia a chi, sul fronte del Sì, aveva detto: "Se non passa la Riforma si torna indietro di 30 anni". Una battuta che è stata ripresa dagli studenti per il No che seguendo lo stesso filone sono andati quindi oltre, affermando che di fatto in caso di vittoria del Sì si torna indietro addirittura di 2000 anni: appunto addirittura fino all'epoca dell'Antica Roma, nella quale il Senato non era eletto dal popolo, ma vi si accedeva solo per nomina, per censo o per appartenenza familiare e peraltro era ad accesso solo maschile.

Pubblicità

E i manifestanti sono partiti proprio da questo per fare un parallelismo con il nuovo Senato che emerge dalla Riforma di Renzi, la quale "restringe gli spazi di democrazia e non permette ai cittadini di eleggere i propri rappresentanti"

L'azione simbolica si è svolta in mezzo a centinaia di turisti che, in particolare il sabato mattina, affollano la zona del Colosseo, i quali sono rimasti colpiti da questa iniziativa sicuramente inedita.