Continuano le pubblicazioni dei #Sondaggi politici da parte degli istituti di ricerca. In questi giorni sono state rese note le intenzioni di voto rilevate da parte di Lorien e SWG. Tra i due ci sono alcune discordanze, ma un dato in comune è la presenza del Partito Democratico in testa. Dopo un periodo non proprio felice, per Matteo Renzi è ripresa la marcia trionfale, anche se a preoccupare il Premier sono soprattutto le stime elettorali relative al referendum costituzionale del 4 dicembre. Di seguito andremo a scoprire i valori di ciascun partito in maniera dettagliata e la situazione sulla consultazione popolare.

Lorien: crollo M5S, sostanziale parità tra ‘sì’ e ‘no’

Il PD fa registrare un lieve incremento (+0,1%), portandosi al 32,2%.

Pubblicità
Pubblicità

Il dato più interessante, però, riguarda il brusco calo registrato per il #M5S, che rispetto alla rilevazione precedente è sceso al 29,5%, facendo segnare un calo del 3,1%. Trend positivo per #Lega Nord e Forza Italia, rispettivamente al 13% (+1%) e 11,2% (+1,7%). Abbiamo poi Fratelli d’Italia al 3,5% (-0,1%) e Nuovo Centrodestra al 2,9% (+0,7%), mentre gli altri del CDX sono allo 0,2%. Si prosegue con Sinistra Italiana al 3,5% (-0,3%) e gli altri di CSX all’1,5%. Troviamo poi Scelta Civica allo 0,2% (+0,1%) e Italia dei Valori allo 0,5% (+0,2%), mentre gli altri del CSX sono allo 0,3%. Infine, troviamo le altre liste che non fanno parte di alcuno schieramento all’1,5%. Per quanto riguarda la questione del referendum, c’è un testa a testa tra ‘sì’ e ‘no’. I favorevoli alla nuova riforma sono al 37%, mentre i contrari si attestano al 36%.

Pubblicità

Un dato curioso, relativo all’informazione, registra che il 55% degli italiani non si ritiene informato sull’argomento, nonostante l’88% sia a conoscenza che si andrà alle urne a breve.

SWG: bene Lega Nord, calo di Forza Italia

Il partito di Governo si trova in prima posizione con il 30,9% (+0,4%) e mantiene il vantaggio sul Movimento 5 Stelle, che insegue con il 26% (+0,4%). Alle loro spalle riprende a salire Matteo Salvini (+0,2%), portandosi al 14,1%, mentre Silvio Berlusconi, che era appaiato precedentemente, subisce una flessione (-0,5%), scendendo al 13,4%. Calo anche per FdI-An (-0,2%), che si trova al 3,5%, mentre SI lo scavalca (3,6%) grazie al +0,3% fatto registrare rispetto alla settimana scorsa. Resta stabile al 3,4% Ncd-Udc, mentre Rifondazione Comunista scende all’1,1% (-0,1%); si trovano allo 0,6% Verdi e IdV, rispettivamente in crescita (+0,1%) e in calo (-0,1%). Infine, troviamo gli altri dell’area di Governo allo 0,8% e dell’opposizione al 2%. Nel complesso, si porta avanti di un soffio (+0,1%) il Centrodestra, totalizzando il 31%, mentre i grillini occupano la terza piazza, restando fuori dal ballottaggio. Prima di lasciarvi, vi invitiamo a seguirci per altri aggiornamenti sui sondaggi elettorali.