Ieri all’Arena di Massimo Giletti su Rai 1 l’ospite è stato un ex consigliere delle Regione Abruzzo, #Antonio Norante. Egli è stato invitato come un difensore convinto del vitalizio. Come sui antagonisti ci sono stati Pino, metalmeccanico Bolognese addetto ai forni, e Franco Tommasini baby pensionato di 80 anni. #massimo giletti ha chiesto prima di tutto a Norante se è d’accordo con il doppio vitalizio. La risposta: "Assolutamente no, sul doppio vitalizio non sono mai stato d’accordo soprattutto in un paese che versa oggi una situazione così difficile è davvero una forzatura". Di seguito, riportiamo altre domande dell'intervista da parte di Giletti.

Pubblicità
Pubblicità

Le sembra giusto fare un ricorso per il suo vitalizio?

"Certo che mi sembra giusto, io sono stato Consigliere per 10 anni e oggi mi sento un esodato della politica, la legge prevedeva che io sarei andato in pensione a 55 anni e non con una pensione d’oro, ma con una pensione netta di soli 2500 euro, ma la regione Abruzzo ha approvato una legge per spostare le pensioni dai 55 ai 65 anni. Non è giusto cambiare le regole di gioco a partita iniziata e non solo! Adesso mi devono dare anche i 5 anni di arretrati circa 120 euro più gli interessi".

Pino cosa pensi nell’ascoltare Norante?

"Solo di vergognarsi, questa è l’ennesima riprova che il paese dei privilegiati è completamente distaccato dal paese reale, da quelli come me, che lavorano davvero. Vede Giletti, io lavoro ai forni con delle temperature proibitive da 38 anni dovevo andare in pensione a 67 anni invece dovrà lavorare grazie alla Fornero fino a 72 anni, per andare forse in pensione con una pensione di scarsi 1200 euro.

Pubblicità

Mentre l’Onorevole Norante per aver fatto il consigliere solo per 10 anni va in pensione con 2500 euro. Perlopiù a lui viene data la possibilità di fare ricorso, a noi che siamo la maggioranza, nemmeno quello".

Norante cosa risponde al signor Pino?

"Io ho fatto delle scelte, mi sono dedicato alla politica tralasciando delle attività che avevo in precedenza, mi sento di aver servito bene il mio paese e di aver fatto il mio lavoro con passione. Le regole parlano chiaro, adesso non possono cambiare le regole a gioco iniziato, magari con regole differenti non avrei deciso di fare politica ... Le regole devono essere uguali per tutti".

A proposito delle baby pensioni Norante, le voglio far ascoltare il signor Franco Tommasini, lui è un baby pensionato di 80 anni.

"Io davvero sono uno dei fortunati, sono andato in pensione a 49 anni e oggi ne ho quasi 80 di anni. A quei tempi l’economia italiana andava davvero bene le faccio un esempio Giletti, si immagini un bidone pieno che con una forte economia rimane sempre pieno, allora fu presa la decisione da parte del governo di mandarci in pensione con una cifra equivalente agli ultimi 3 stipendi per dar posto ai giovani.

Pubblicità

Quel bidone per anni è rimasto pieno. Oggi le cose sono cambiate, quel bidone si è svuotato e io mi sento in colpa, da anni sono pervaso dal rimorso guardando la situazione del paese. Questo senso di colpa mi ha portato a scriverle, davvero vorrei fare qualcosa e non capisco come si possano difendere dei privilegi in una situazione così drammatica".

La telecamera ha poi inquadrato il viso di Norante con gli occhi lucidi, visibilmente emozionato dalle parole del baby pensionato. Norante ha chiesto la parola a Giletti per ribattere e gli è stata subito data: "Guardate, mi sono davvero emozionato nell’ascoltarvi, talmente emozionato da aver preso una decisione, di non fare più ricorso". Standing ovation infinita da parte di tutto lo studio. #l'arena