Alain Juppé è il grande favorito delle presidenziali francesi 2017  davanti all'ex Presidente Nicolas Sarkozy,  al primo turno delle primarie dei Repubblicani (ex UMP): l'impopolare Presidente Francois Hollande (socialista in carica dal 2012) appare agli occhi dei francesi senza una linea direttrice e non ha mantenuto nessuna delle promesse di stabilità economica per il paese.

Per Alan Juppè la condanna a dieci anni di  d’ineleggibilità per abuso d'ufficio è acqua passata: il candidato repubblicano è pronto a incassare l'appoggio dei popolari per ritornare al'Eliseo dopo l'esilio forzato in Quebec; ha un pedigree di tutto rispetto a partire dai studi all'Ecole Normale Supérieure, all'Institut d'études politiques e all'École nationale d'administration; poi braccio destro del ex Presidente Jacques Chirac.

Nessuno avrebbe scommesso sulla carriera politica dell'ex presidente dell'Unione per il Movimento Popolare (Ump):la sua rielezione a Sindaco di Bordeaux (città natale) è stato il suo ritorno ufficiale (una guasconata)  dopo dodici anni di lontananza dalla scena politica; la capitale mondiale del vino è la sesta la metropoli di Francia per popolazione (regione della Guascogna), considerata un  patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

La destra anti europeista

A differenza del suo antagonista di partito Sarkozy,  Alan Juppè  è un vero moderato (usa toni pacati nel confronto elettorale) e mantiene un basso profilo (un analista in prestito alla politica) in campagna elettorale: è un convinto sostenitore della Comunità Europea, in controtendenza con Brexit e le correnti anti europeisti; Marine Le Pen ha ottenuto grandi consensi con il Fronte Nazionale (FS) alle ultime elezioni presidenziali (al terzo posto); la destra nazionalista francese ha radicalizzato l'elettorato dell'ex UMP  e vuole la Francia fuori dalla NATO e dalla UE (Putin ha finanziato FS).

Pubblicità
Pubblicità

Per i francesi Alan Juppè è il vero paladino delle istituzioni contro le derive radicali, degno erede del grande pensatore politico Montesquieu (anche lui di Bordeaux): amor di patria e virtù salveranno la Francia. #Esteri