Dopo giorni di frenetiche trattative è stato raggiunto l’accordo tra Consiglio e Parlamento europeo sul via libera al bilancio 2017 dell’#Unione Europea. L’Italia, coerentemente con quanto fatto negli scorsi giorni, ha confermato la sua riserva sul pacchetto generale. Un atteggiamento che rispecchia il tira e molla tra il governo Renzi e i vertici UE sulla sfida alla flessibilità della finanziaria 2017 sui capitoli relativi a costi post terremoto e gestione immigrazione. A richiamare il premier a una maggiore prudenza sul fronte del confronto con Bruxelles è stato uno dei principali esponenti della minoranza PD, Roberto Speranza: “Bene la battaglia contro il rigore e l’austerità, ma attenzione a non alimentare il sentimento antieuropeista che cova nel Paese”.

Pubblicità
Pubblicità

Buone nuove arrivano, invece, sul versante degli studenti #erasmus: l’assemblea ha recepito la proposta della Presidenza slovacca sul finanziamento aggiuntivo di 700 milioni di euro. Bene anche i capitoli su Horizon 2020 e Iniziativa Giovani. A commentare le conclusioni approvate è stato il sottosegretario con delega agli Affari Europei, Sandro Gozi: “Rimane la riserva italiana sul bilancio multilaterale”. Non è escluso che l’Italia possa togliere la sua riserva sul pacchetto generale nel mese di dicembre. #Matteo Renzi