Fidel Castro il discusso leader cubano da poco deceduto [VIDEO]non ha mai avuto vita facile, soprattutto con i vicini Usa. Il giorno dell'assassinio del Presidente degli #Stati Uniti John Kennedy, un ufficiale della CIA ha confidato di avere avuto una "talpa" a #cuba contro Fidel Castro. Eppure, nello stesso tempo, un emissario di Kennedy ha incontrato il leader cubano per cercare un modo per migliorare le relazioni tra gli Stati Uniti d'America e Cuba. Questo aneddoto, rivelato solo nel 1975 da una commissione del Senato americano, mostra che, dopo la presa di potere da parte di Castro e fino al 1965, la CIA, l'agenzia principale di intelligence americana, ha cercato di liberarsi di lui, incoraggiando o sostenendo progetti di assassinio.

Pubblicità
Pubblicità

Prima di prendere in considerazione l'eliminazione fisica, la CIA ha cercato di screditare Castro attaccando la sua immagine. Per fare ciò la Cia ha studiato alcuni progetti incredibili: c'era l'idea di disperdere una sostanza chimica con effetti simili a LSD in uno studio televisivo dove Castro si trovava per registrare un discorso, oppure impregnare una delle sue scatole di sigari con lo stesso prodotto in modo da mostrare il leader sotto l'effetto di droghe al popolo.

L'assurdo tentativo della CIA di far cadere l'amata "barba" a Castro

Sì è pensato addirittura di colpire la barba di Castro. Lui stesso aveva detto in un'intervista alla Tv americana, poco dopo il suo insediamento, che la sua barba significava molte cose per il suo paese. Alla CIA queste parole non sono sfuggite e ha messo in atto un progetto chiamato "The Beard".

Pubblicità

L'intento era di cospargere le scarpe del comandante con un depilatorio chimico. L'azione era prevista durante un viaggio all'estero del leader cubano: nella notte, quando Castro riposava in hotel, qualcuno avrebbe messo la sostanza chimica nelle sue scarpe. I test per questo depilatorio chimico sono stati condotti su animali, ma il progetto è stato abbandonato perché Castro annullò il suo viaggio. Sono stati documentati almeno altri otto progetti di assassinio, con il ricorso a volte dei membri della malavita di Las Vegas e anti-Castro cubani esiliati a Miami. Si è tentato perfino di avvelenare i sigari preferiti del leader cubano.

La CIA aveva il sostegno dei presidenti americani?

La Commissione non ha potuto rispondere a questa domanda. In ogni caso, sotto l'amministrazione Eisenhower è stato lanciato il progetto di rovesciare il regime cubano con l'invio di esuli cubani a Cuba. Il programma è stato approvato nel marzo 1959 dal presidente Eisenhower. Poco dopo il suo insediamento, il presidente Kennedy ha approvato il progetto. Il 17 Aprile 1961, 1400 esuli cubani atterrato alla Baia dei Porci, sulla costa meridionale di Cuba. Ma è stato un fallimento totale. Poco dopo, gli Stati Uniti hanno lanciato Operazione Mangusta per cercare di destabilizzare il regime di Castro, invano. Ora che il Il leader cubano è scomparso cosa succederà a Cuba?