Mancano ormai meno di due settimane al tanto atteso #referendum costituzionale del 4 dicembre e si moltiplicano le dichiarazioni di voto da parte di personalità extra-politiche note al grande pubblico che si stanno spendendo a favore o contro alla Riforma.

Nelle scorse ore è stato diffuso un vero e proprio appello degli artisti che si sono dichiarati per il Sì alla RIforma. Oggi invece proviamo a fare un pur provvisorio elenco di personalità del mondo della cultura e dello spettacolo che nelle scorse settimane, pur senza firmare un vero e proprio appello collettivo, hanno dichiarato esplicitamente, con interviste ai giornali e riviste, interventi pubblici o tramite post sui social network, di votare No alla Riforma voluta del Governo Renzi.

Pubblicità
Pubblicità

Ecco gli artisti per il No al referendum

Sono numerose le personalità che hanno fatto endorsement di vario tipo a sostegno del No alla Riforma: dai cantanti rapper J-Ax e Fedez, che nella scorsa estate hanno dato vita assieme al tormentone "Vorrei ma non posto", agli attori Toni Servillo e Sabrina Ferilli (che quindi voteranno in modo opposto dal regista Sorrentino, con cui avevano lavorato nel film da premio Oscar "La grande bellezza"), dallo scrittore Andrea Camilleri al drammaturgo Moni Ovadia. Nelle file del No ci sono anche Alba Parietti e Rosita Celentano, i cantanti Piero Pelù, Giorgia e Fiorella Mannoia, il duo siciliano Ficarra e Picone (che già si erano spesi in aprile per il referendum contro le trivellazioni in mare), gli attori Leo Gullotta, Paolo Rossi, Claudio Santamaria, Monica Guerritore, Daniela Poggi e Sabina Guzzanti, ma anche i registi Citto Maselli e Roberto Faenza.

Pubblicità

Non trattandosi di un appello con sottoscrizioni predefinite è assai probabile che nei prossimi giorni questo elenco di artisti per il No possa allungarsi, con interviste e dichiarazioni che altri VIP e personaggi dello spettacolo potranno effettuare anche nei giorni immediatamente precedenti al voto di domenica 4 dicembre. Endorsement, quelli per il Sì o per il NO alla Riforma della #Costituzione italiana, che come sempre causano molto interesse pubblico e provocano reazioni di apprezzamento o delusione, da parte dei lettori. #Cinema