Nella giornata di ieri, il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni ha ricevuto le delegazioni dei comitati per il Sì e il No, alla Farnesina. Presenti all'appuntamento anche Elisabetta Belloni, segretario generale, e Cristina Ravaglia, direttore generale per gli italiani all'#estero. Durante l'incontro è stato sottolineato l’impegno e l’assoluta imparzialità con cui l’intera rete diplomatico-consolare sta lavorando per attuare quanto previsto dalla legge 459 del 2001, "Norme per l'esercizio del diritto di #voto dei cittadini italiani residenti all'estero".

Il voto all'estero

Gli elettori iscritti all'Aire riceveranno il plico elettorale all'indirizzo di residenza.

Pubblicità
Pubblicità

Possibile, in caso contrario, la richiesta del duplicato all'Ufficio consolare, si legge sul sito internet istituzionale del ministero degli Esteri. Gli elettori italiani che si trovano temporaneamente all'estero, per motivi diversi, per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data del Referendum, potranno votare per corrispondenza #referendum costituzionale