Non si placano le polemiche scatenate dal controverso messaggio di condoglianze del Primo Ministro canadese Justin #trudeau alla morte dell'ex dittatore cubano Fidel #Castro. Il Canada aveva sempre mantenuto eccellenti relazioni diplomatiche con la dittatura Cubana, ma nessun analista si sarebbe mai aspettato un comunicato stampa dai toni così calorosi.

Trudeau aveva infatti pubblicato una lettera di addio ricca di complimenti definendo l'ex Lider Maximo un "grandissimo leader che ha servito la sua gente". Un messaggio che non era passato inosservato e che aveva subito scatenato molte polemiche. Dall'Europa agli Stati Uniti, si era alzato unanime un coro di proteste contro il PM canadese, reo di aver compianto in maniera troppo "affettuosa" un uomo che aveva fatto uccidere oppositori politici e arrestato membri delle minoranze, come centinaia di omosessuali.

Pubblicità
Pubblicità

"Imbarazzante" così veniva definita la nota ufficiale del Governo Canadese dall'ex candidato alle Primarie Repubblicane Marco Rubio, nato in America da genitori cubani, e da sempre oppositore del regime Castrista. E in poche ore migliaia di utenti Twitter avevano cominciato a pubblicare tweet ironici utilizzando l'hashtag #TrudeauEulogies (letteralmente "Condoglianze di Trudeau"), sottolineando, con ironia, gli aspetti positivi dei più feroci dittatori.

"Oggi ricordiamo il pittore e attivista per i diritti degli animali Adolf Hitler, la cui morte ci ricorda il bisogno di consapevolezza riguardo le morti da suicidio" ha twittato un canadese, antagonista di Trudeau.

E non sono stati risparmiati nemmeno i "cattivi" di Star Wars: "Darth Veder, anche se controverso, ha raggiunto grandi risultati nelle costruzioni spaziali, e ha ricoperto un importante ruolo di formazione nella vita di suo figlio" recita uno dei tweet diventati virali.

Pubblicità

La teoria cospirativa: Margaret Trudeau aveva una relazione con Fidel Castro

L'ironia sui social ha scatenato anche lo sviluppo di alcune teorie cospirative. Da ieri viaggiano infatti numerosi Tweet sulla rete, ad opera di blogger, attivisti e politici che indicano Trudeau come il figlio di Fidel Castro, complice la vicinanza della madre Margaret (allora moglie del Primo Ministro Canadese Pierre Trudeau). Il primo a rendere pubblica la presunta somiglianza tra il Lider Maximo e il PM canadese è stato il politico conservatore australiano Peter Wallace, attraverso la pubblicazione di diverse foto d'epoca.

Secondo Wallace, la somiglianza tra Justin Trudeau e Fidel Castro è talmente evidente da non lasciare alcun tipo di dubbio.

Pubblicità

Margaret era da sempre stata molto vicina al dittatore cubano, e con lui aveva passato molti periodi durante le frequenti missioni all'estero dei diplomatici canadesi.

Non solo, alcuni fotomontaggi, riportati dal giornalista e regista Mike Cernovich mostrano come apparirebbe Justin Trudeau se avesse la barba:

Una somiglianza sicuramente significativa, che si aggiunge alle centinaia di immagini che stanno popolando la rete in queste ore. Dalle foto di Justin Trudeau piccolo, e molto diverso dai fratelli, a quelle del padre di Justin, Pierre Trudeau, che appare molto diverso dal PM canadese.

Gli scettici: Margaret Trudeau incontrò Castro quando Justin aveva già 4 anni

Non sono ovviamente mancate le contro-teorie. Gli scettici fanno sapere, attraverso blog e giornali, che il primo incontro tra Margaret Trudeau e Fidel Castro avvenne quando Justin aveva già 4 anni, e che non essendoci fonti verificate, la sola somiglianza fisica e il controverso senso di affezione verso l'ex dittatore, non possono bastare a sostenere questa teoria. Come per il caso del principe Harry e di molti altri protagonisti della storia, i gossip sulle presunte paternità sembrano scatenare sempre un certo interesse. Che Justin Trudeau sia figlio di Castro o di Pierre Trudeau, una cosa è certa: in quel DNA scorre sangue da leader. #FidelCastro