Corrado Formigli, il conduttore della trasmissione Piazza pulita su la7 ieri ha mandato uno dei suoi inviati ad intervistare #Michael Moore, scopo capire da dove venivano le sue certezze sulla vittoria di Trump. Vogliamo ricordare che già alcuni mesi fa il regista Michael Moore, noto in tutto il mondo per le sue teorie dietrologiche, si era esposto ai media di tutto il mondo sulla previsione della vittoria di Trump sulla #Clinton. La sua previsione era in contrasto contro tutte le agenzie dei sondaggi elettorali, contro tutti gli osservatori internazionali, contro tutti i politologi del mondo e le migliori testate giornalistiche del pianeta, che erano tutti concordi su una vittoria della Clinton.

Pubblicità
Pubblicità

Chi è Michael Moore?

Michael Moore è un regista, scrittore statunitense che si è occupato nei suoi film o cortometraggi di temi sociali. Il regista Moore ottiene la sua massima notorietà a livello mondiale con il suo film documentario Fahrenheit 9/11, dove mette in dubbio le fonti ufficiali sugli attentati delle Torri Gemelle dell'11 settembre, mettendo in risalto i rapporti e gli interessi in comune tra la famiglia Bush, gli Arabi e la famiglia Bin Laden. Successivamente vince la Palma d’oro trattando il tema della sanità pubblica in America.

Vediamo come ha risposto all’intervista dell’inviato di Formigli?

Cosa ne pensa della situazione?

“Bè, adesso arriva il bello”.

Lei si aspettava che Mister Trump vincesse?

“Si, sono l’unico fuori dalla bolla, da qui e dall’America reale”

La classe media Americana ha votato per lui perché?

“La classe media Americana spesso vota contro i propri interessi, si fanno spesso prendere in giro, gli puoi far credere di tutto, perché gli Italiani hanno votato Berlusconi per così tanto tempo? Eppure non sono stupidi, dico sul serio, se tu sei capace di spiegarmi Berlusconi allora puoi spiegarmi anche Trump, sono identici”.

Pubblicità

Hillary non li convinceva proprio per niente?

“Lei non era il miglior candidato, questo è poco ma sicuro”.

Trump sarà un pericolo per gli Stati Uniti?

“Non solo, lo sarà anche per il mondo intero.”

Pensa che Mister Trump sarà sottoposto a impeachment?

“Penso di sì”.

Trump sarà il Berlusconi degli Stati Uniti?

“Penso di sì”. #Donald Trump