Oggi, 18 novembre 2016, sarà l’ultimo giorno per pubblicare i sondaggi relativi al #referendum costituzionale del 4 dicembre; gli italiani anche in questa occasione saranno convocati alle urne e dovranno scegliere se votare Sì o No. Nel frattempo le campagne elettorali stanno aumentando e si stanno infiammando; i sondaggisti: ”Non sottovalutate gli indecisi e coloro che non andranno alle urne”.

Aumentano le campagne elettorali

Tutti i principali quotidiani nazionali, si sono concentrati sull’analisi della molteplicità di dati raccolti fino ad oggi e sembra proprio che la maggior percentuale degli italiani voterà per il No, ma ovviamente ci sono diverse variabili da considerare, in quanto molti potrebbero cambiare idea o non presentarsi alle urne, o tutt’ora essere indecisi.

Pubblicità
Pubblicità

Il No sembra proprio essere in vantaggio di otto punti rispetto al Si, ma nulla ovviamente è decisivo: diversi fattori infatti potrebbero influenzare l’esito finale del referendum come ad esempio l’affluenza alle urne o l’indecisione. Un altro fattore importante che sicuramente influenzerà il risultato finale riguarda i comizi elettorali che stanno avvenendo con maggiore cadenza soprattutto in questo periodo conclusivo. Gli ultimi giorni di campagna elettorale infatti saranno quelli decisivi, soprattutto perché avranno effetto sugli indecisi e su coloro che inizieranno a pensare alle votazioni giusto qualche giorno prima. Di rilevante importanza anche i dati che riguardano l'affluenza alle urne: Nando Pagnoncelli, sondaggista italiano spiega: ”stando alle statistiche andrà a votare uno su due”.

Pubblicità

Si o no? In vantaggio il no, ma..

Come abbiamo spiegato, tra il Si ed Il No c’è una differenza di otto punti e sembra proprio che, stando ai sondaggi, gli indecisi siano il 14,2%, ciò vuol dire che chi non ha ancora scelto potrebbe votare per il Si che supererebbe decisamente la percentuale del No. Se calcoliamo che il SI attualmente ha il 45,8% di voti, contro il 54,2% del No, possiamo decisamente affermare che non è del tutto esclusa la possibilità di vincita del Si. #Sondaggi politici