Gli obiettivi dei dirigenti comunali per l’anno 2016 assegnati quaranta giorni prima della fine dell’anno. Questo è il paradosso che si sta verificando a #Solarino, in provincia di Siracusa, nella gestione della #Pubblica Amministrazione locale.

Spieghiamo meglio per i non addetti ai lavori: una parte dello stipendio dei dirigenti della pubblica amministrazione è costituito dalla cosiddetta indennità di risultato, che viene assegnata in funzione del raggiungimento o meno degli obiettivi che l’Amministrazione attribuisce a ciascun capo settore. Fin qui sembrerebbe tutto normale e analogo a quanto accade nelle imprese private.

Pubblicità
Pubblicità

La stranezza sta nel fatto che a Solarino, per attribuire l’indennità di risultato per il 2016, gli obiettivi sono stati assegnati il 21 novembre!

L'inefficacia degli obiettivi assegnati a fine anno

Recita così, infatti, la delibera di Giunta Municipale numero 201 approvata dalla Giunta di Solarino lo scorso lunedì, che attribuisce gli obiettivi per il 2016 al segretario comunale e ai dirigenti degli altri quattro settori del Comune siciliano. In allegato alla delibera, ovviamente, settore per settore sono descritti gli obiettivi da raggiungere. E questa è la parte più preoccupante per chi sogna una pubblica amministrazione efficiente: infatti se gli obiettivi vengono assegnati dalla parte politica quaranta giorni prima della fine dell’anno, diventa naturale la "discrepanza" tra gli obiettivi assegnati e i reali interessi collettivi, qualora i compiti da portare a termine fossero stati comunicati all'inizio dell’anno.

Pubblicità

L'esempio della villa comunale

Facciamo un esempio. Al capo settore dei servizi demografici, relativamente all’annosa questione del chiosco della villa comunale - ancora oggi chiuso - una Pubblica Amministrazione efficiente avrebbe assegnato all'inizio del 2016 il compito di riapertura del chiosco, rendendolo nuovamente fruibile alla cittadinanza. Invece dopo due gare deserte con avvisi pubblici chiaramente discutibili, il 21 novembre l’obiettivo attraverso cui sarà giudicato (e premiato) il capo settore è diventato "riproposizione del bando della villa comunale". Per la terza volta. Cose che accadono in #Sicilia.