Nonostante l'estenuante campagna elettorale condotta dal Presidente del Consiglio #Matteo Renzi, nei sondaggi continua a prevalere il fronte del NO. L'elettorato quindi, chiamato a confermare o bocciare la riforma costituzionale fortemente voluta dal governo sembra dunque orientato a votare NO. In tal caso, la Costituzione si confermerebbe un vero e proprio tabù davvero difficile da riformare. Si pensi in tal senso alla riforma del 2006 (la cosiddetta Devolution), voluta dall'allora Governo Berlusconi e sonoramente bocciata dagli elettori. I sondaggi odierni assumono maggiore rilevanza rispetto ai precedenti in virtù del fatto che sono gli ultimi pubblicabili prima del voto e rappresentano, pertanto, il parametro più recente per capire l'orientamento elettorale.

Pubblicità
Pubblicità

Tuttavia, come le recenti elezioni presidenziali americane dimostrano, i sondaggi vanno presi con le pinze e sono tutt'altro che infallibili. Passiamo ora a vedere nel dettaglio come voterebbero in merito al #referendum costituzionale gli elettori secondo l'ultimo sondaggio Ixè, pubblicato stamattina su Rai3 nella trasmissione Agorà.

Referendum Costituzionale, ecco come voterebbero gli elettori secondo ixè

In base alle ultime rilevazioni del celebre istituto di ricerche statistiche, il NO alla Riforma farebbe un ulteriore balzo in avanti a discapito del SI, che invece rimarrebbe stabile rispetto alla settimana scorsa. A recarsi alle urne, secondo Ixè, si recherebbero il 62% degli aventi diritto. Di questi, il 37% si dichiarerebbe orientato a votare per il SI alla riforma, mentre il 42% sarebbe orientato a votare NO.

Pubblicità

Si registra dunque un incremento del NO rispetto al sondaggio Ixè della settimana scorsa, quando i rapporti di forza erano 42% a 37%. Per quanto riguarda la geografia politica del voto referendario, segnaliamo che tra gli elettori del Partito Democratico, il 77% voterebbe Si, mentre al contrario, il 74 % del elettori del Movimento 5 Stelle e il 72% di quelli della Lega Nord voterebbero per il NO. Nonostante i dati poco confortanti sul fronte Referendum, Ixè registra comunque una lieve tendenza alla crescita del PD, partito di maggioranza relativa e principale sponsor del SI.