E' trascorsa appena una settimana dalla tanto discussa vittoria di #Donald Trump alle elezioni Usa. Il neo presidente nella sua prima intervista televisiva alla Cbs ha rilasciato alcune dichiarazioni che non sono sicuramente passate in secondo piano.

Trump ha infatti dichiarato di voler rinunciare allo stipendio di presidente, il quale ammonterebbe a circa 400mila dollari l'anno: "Credo che per legge io debba prendere un dollaro, prenderò dunque un dollaro all'anno".

Durante l'intervista inoltre, Trump avrebbe tentato di rassicurare tutti coloro che non sono ancora convinti della sua presenza alla Casa Bianca, a causa delle sue idee, che seguono una linea definita "troppo aggressiva e razzista", che per il momento non avrebbero trovato pieno appoggio.

Pubblicità
Pubblicità

Il presidente ha ribadito che verrà innalzato un muro al confine tra gli Stati Uniti ed il Messico e che saranno espulsi dai 2 ai 3 milioni di immigrati clandestini, specificando che saranno allontanati, o rinchiusi dietro le sbarre, soltanto quelli con precedenti penali. Un numero nettamente inferiore rispetto agli 11 mila migranti "minacciati" durante il periodo della campagna elettorale.

Inalterate restano le sue idee sull'aborto: il presidente avrebbe addirittura invitato le donne che vogliono abortire a muoversi verso altri Paesi. Opinioni favorevoli invece per le armi come diritto di tutti i cittadini e ai matrimoni gay.

Nell'intervista si è parlato anche con il colloquio avuto con Obama alla Casa Bianca: "L’ho trovato fantastico, molto intelligente, cordiale, ha un grande senso dell'umorismo ed è una brava persona - ha dichiarato Trump - Posso non essere d'accordo con lui, ma ho trovato la conversazione incredibilmente interessante, avevamo tante cose da dirci".

Pubblicità

Tra le cose da dire, quelle "buone, cattive e quelle complicate al momento".

Insomma, in molti chiedono di non avere troppi pregiudizi nei confronti di Donald Trump, che avrà sicuramente tutto il tempo necessario per convincere gli altri delle sue idee o magari per cambiare le sue. #Elezioni USA #USA