Cambiano i governi ma lui resta sempre un punto fermo per tutti. #dario franceschini, attuale ministro della Cultura, è sempre stato un equilibrista della politica. La sua passione per la scrittura lo ha più volte avvicinato al Mibact, ma solo con Renzi è arrivata la chiamata attesa. Franceschini ha portato una ventata di novità in via del Collegio Romano e ha lanciato importanti iniziative molto apprezzate dai cittadini stessi (musei gratis e cinema low cost su tutte). L’ultimo annuncio ha riguardato il prossimo G7 della Cultura che si svolgerà nella città di #Firenze. Una rivincita per la perla della Toscana che ospiterà così i ministri della Cultura di Giappone, Stati Uniti, Canada, Francia, Germania e Regno Unito.

Pubblicità
Pubblicità

L’annuncio è stato accolto con soddisfazione dalla cittadinanza e dal sindaco Dario Nardella: “Non vedo l’ora che arrivi il 30 marzo 2017”. “Continua lo sforzo del governo - ha sottolineato Franceschini in una nota - per portare all’attenzione il tema della cultura come strumento di integrazione, di crescita e di sviluppo”. #dario nardella