Grande trionfo del "NO" al Referendum costituzionale del 4 dicembre con il 59,6% per cento contro il 40,4% del "SI". I risultati ottenuti dallo spoglio annunciano chiaramente una netta bocciatura della riforma del Senato voluta dal Governo. Una sconfitta senza precedenti quella subita dal Premier, il quale ha annunciato le sue dimissioni poco dopo la mezzanotte. #Matteo Renzi si dichiara deluso del risultato ottenuto, dichiarando di aver fatto tutto ciò che era in suo potere per aiutare l'Italia.

Il mio governo finisce qui

"Consegnerò domani stesso le mie dimissioni al Presidente della Repubblica" - ha dichiarato il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi con il volto emozionato e decisamente sconfitto.

Pubblicità
Pubblicità

"Ho perso io, me ne prendo la responsabilità" - continua il Premier - "Il no ha ottenuto una vittoria netta. Adesso tocca a chi ha vinto avanzare proposte serie e credibili. Non siamo stati abbastanza convincenti, ma andiamo via senza rimorsi. Volevamo vincere e non partecipare" - conclude ringraziando la moglie Agnese rimasta sempre al suo fianco nei momenti più importanti del suo incarico.

Della vittoria del "NO" esulta Beppe Grillo. "Evviva ha vinto la Democrazia" - commenta su Internet il leader del M5S. E intanto chiede che gli italiani tornino alle urne al più presto. Intanto il premier Matteo Renzi dichiara di lasciare la guida del governo, ma di voler continuare con la #politica.

I fedelissimi di Renzi: 'Orgogliosi di Matteo'

Non mancano i commenti dei sostenitori del premier sul risultato del Referendum costituzionale.

Pubblicità

"Credevo che la riforma costituisse un passo avanti capace di migliorare le istituzioni superando il bicameralismo paritario" - scrive il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi scrive su Twitter.

A rivolgersi a Matteo Renzi è anche il sindaco di Collesalvetti e segretario del Pd livornese, Lorenzo Bacci: "Orgoglioso del premier Renzi" - dice ringraziandolo per il lavoro svolto. Ad essere orgogliosi sono anche l'ex sindaco di Borgo San Lorenzo, Giovanni Bettarini e il consigliere regionale Pd Antonio Mazzeo, i quali lo definiscono un uomo coraggioso dal grande valore politico.