Questa la decisione del Presidente della Repubblica Sergio #Mattarella. È troppo alto il rischio dell'esercizio provvisorio, troppo alto il rischio di non mettere in sicurezza i conti pubblici, da qui la richiesta arrivata, già in un primo incontro nella mattinata di ieri e successivamente confermata durante tutta la giornata. Una richiesta accettata con senso di responsabilità, da parte di #Matteo Renzi, come del resto aveva già anticipato nella conferenza stampa fatta poco dopo il primo esito della consultazione referendaria.

Dunque, #dimissioni congelate e rinviate a dopo l'approvazione della manovra finanziaria, approvazione che dovrebbe arrivare comunque in tempi brevi, in pochi giorni, secondo l'assicurazione del Ministero dell'Economia e secondo l'assicurazione delle forze politiche, soprattutto quelle di maggioranza che dovrebbero approvarla, solo a quel punto sarebbero formalizzate le dimissioni e solo questo punto partirebbero le consultazioni, da parte del Presidente Mattarella con le varie forze politiche.

Pubblicità
Pubblicità

Con ogni probabilità, già dalla prossima settimana.

Grande attenzione da parte del capo dello Stato

Vari gli scenari possibili al momento, se le consultazioni avvenissero oggi. Allo stato attuale bisognerà capire cosa vorranno fare le forze politiche, ma comunque l'indirizzo da parte del Capo dello Stato è chiaro, la stabilità del paese va messa davanti ad ogni cosa, questo il messaggio da dare alla comunità internazionale, il messaggio da dare all'Europa in questo momento e soprattutto alla comunità finanziaria, vista la necessità dell'approvazione di questa manovra.

Le ipotesi in campo

In questo momento sono più di una, per il dopo Renzi, si parla, in ottica Europa, di Pier Carlo Padoan, attuale ministro dell'Economia, si parla di un governo di scopo istituzionale, Piero Grasso, proprio per formulare una nuova legge elettorale, altro importante problema da risolvere, poi ci sono altri nomi, tra cui Gentiloni, ministro degli Esteri e Delrio, altro ministro del governo.

Pubblicità

Ma questo ovviamente si potrà capire soltanto nelle prossime ore.