Le ultime notizie #Scuola ad oggi, lunedì 12 dicembre, non possono che riguardare il nuovo ministro dell'Istruzione che andrà a prendere il posto di Stefania Giannini nell'esecutivo affidato all'ex ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. Una 'poltrona che scotta' quella della scuola, vista la difficilissima situazione che sta attraversando dopo la criticatissima riforma Buona Scuola di Matteo Renzi.

Ultime news scuola, lunedì 12 dicembre 2016: nuovo ministro dell'Istruzione, sfuma ipotesi Puglisi?

Sono diversi i nomi che si sono fatti nelle ultime ore, con le 'quotazioni' della responsabile scuola del Partito Democratico, Francesca Puglisi, che, improvvisamente, erano salite alle stelle.

Pubblicità
Pubblicità

L'ipotesi sembra essere, però, del tutto sfumata in quanto la volontà politica del nuovo #Governo tenderebbe ad escludere i vari 'personaggi' che hanno appoggiato in toto l'applicazione della legge 107: oltre alla senatrice, quindi, le porte del dicastero di Viale Trastevere resterebbero chiuse anche per Davide Faraone e per Simona Malpezzi, tanto per fare due nomi.

Gianni Cuperlo dice no al Miur

La casella del #Miur è stata proposta a Gianni Cuperlo ma l'ex presidente del Partito Democratico ha risposto 'No grazie', così come viene riportato dal sito specializzato 'Tecnica della Scuola'.

Mentre per altri ministeri la scelta sembra ormai scontata, non sarà facile trovare un 'personaggio' che possa accontentare la maggioranza e, nello stesso tempo, non fomentare le critiche da parte di chi vorrebbe mettere subito mano alla legge 107 per operare le opportune modifiche.

Pubblicità

Nuovo ministro dell'Istruzione, spunta il nome di Lorenzo Guerini ma attenzione alla Boschi

Sempre 'Tecnica della Scuola' ha parlato della possibile candidatura di Lorenzo Guerini, da gennaio scorso vicesegretario del Partito Democratico e membro della Commissione Finanze alla Camera: deputato dal 2013, Guerini non si è mai occupato di scuola.

La scelta di Guerini potrebbe essere dettata anche da esigenze politiche: infatti, il nuovo governo dovrà 'riservare' almeno un paio di poltrone al gruppo parlamentare fondato da Denis Verdini, vale a dire Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (ALA).

Ma il vero colpo di scena sarebbe quello dell'ascesa al dicastero di Viale Trastevere di Maria Elena Boschi. Si parla, infatti, di depotenziamento dell'ex ministra delle Riforme con l'agenzia di stampa AdnKronos che scrive: “nelle ultime ore si rincorrono le voci sulla presenza di Boschi al governo e le ipotesi si moltiplicano come quella che possa andare agli Esteri (più difficile) oppure al ministero dell'Istruzione”.

Pubblicità

Vedremo se e quale di queste indiscrezioni verrà confermata nelle prossime ore.