La vittoria del "No" al #referendum costituzionale è stata schiacciante nel Paese sia per la percentuale di voti raggiunta, il 59,1%, sia per l'elevata affluenza di italiani alle urne. Tuttavia, il dato che viene fuori dalla Sicilia in generale e da Siracusa in particolare è ancora più impressionante. Nel comune capoluogo, infatti, il "No" si è affermato con il 70,64% di preferenze e la provincia di Siracusa ha fatto registrare in Italia il quinto dato più elevato in assoluto con il 71,75%. Un segnale in direzione anti-renziana che non lascia dubbi - al di là del merito della riforma costituzionale - sul messaggio politico di "sfiducia" al premier dimissionario ben oltre la media nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

Un risultato che, inevitabilmente, ha determinato sul più noto dei social network interpretazioni legate anche agli assetti politici locali.

Il risultato interpretato in chiave locale

Non sfugge, infatti, che in provincia di Siracusa ci sia un elevato numero di primi cittadini legati politicamente alla corrente renziana, alcuni in maniera molto forte. Tra questi, il Sindaco Giancarlo Garozzo, fedelissimo del sottosegretario Davide Faraone, prossimo anche quest'ultimo all'uscita dal governo con le dimissioni di Matteo Renzi. L'opinione pubblica da tempo nutre una forte insofferenza verso l'inquilino di Palazzo Vermexio, manifestata per ultimo anche con un sit-in in piazza Duomo in occasione di una recente seduta del Consiglio comunale. A gettare benzina sul fuoco anche numerose trasmissioni televisive nazionali che hanno puntato il dito contro la classe dirigente aretusea.

Pubblicità

Alcuni commenti postati su Facebook

Simona Princiotta, combattiva consigliere comunale di opposizione, ha scritto sul proprio profilo quand'erano già noti i primi dati: "i siracusani hanno detto No a Garozzo. Garozzo e i suoi tifosi hanno fallito ancora". Ezechia Paolo Reale commenta: "Siracusa è anche altro rispetto a quello che oggi purtroppo appare.Grazie ai miei concittadini per avere difeso la Costituzione in così gran numero". #Pubblica Amministrazione