Lo scorso 14 settembre le telecamere del TgR Sicilia avevano fatto tappa a Siracusa presso l'istituto comprensivo #martoglio, grazie alla presenza della giornalista Rai Antonella Gurriero e all'impegno civile manifestato in quell'occasione dal presidente della circoscrizione Akradina Paolo Bruno e dalle consiglieri comunali Simona Princiotta e Cetty Vinci. Le figure istituzionali presenti, a fronte del rischio occorso dalla scuola di perdere l'autonomia per mancanza di circa quaranta iscrizioni, avevano testimoniato la grande attività che caratterizza questo istituto di frontiera.

Il ruolo della scuola Martoglio nel tessuto sociale

Dalle dichiarazioni rese nel corso del servizio giornalistico della Gurriero, emergeva forte la sensazione che la Martoglio non sia solo una scuola ma una grande famiglia all'insegna della solidarietà e a sostegno dell'inserimento sociale di molte famiglie che vengono assistite per i propri figli anche fuori dagli orari scolastici con progetti studiati ed attivati dagli stessi insegnanti.

Pubblicità
Pubblicità

Veniva sottolineata nel servizio della Rai anche la necessità di intervenire per dare la possibilità di avere una palestra efficiente che possa fare praticare lo sport anche a chi non ha la possibilità di frequentare attività a pagamento.

Attesa per il decreto regionale

E' notizia di ieri, riportata dal quotidiano on line Siracusaoggi e a firma del direttore Gianni Catania, che l'istituto comprensivo Martoglio vedrà la proroga della reggenza, anche se - come ha ben spiegato Paolo Italia, segretario provinciale della Slc Cgil - l'Amministrazione comunale avrà un ruolo importante per il futuro della scuola siracusana, in quanto solo vincolando il nuovo edificio di via Calatabiano nella qualità di plesso distaccato della Martoglio potrà permettere alla scuola di reggere da un punto di vista numerico e dell'offerta scolastica di fronte al futuro.

Pubblicità

Se queste sono le anticipazioni, per l'ufficialità adesso manca solo la pubblicazione del relativo decreto regionale. Non ci resta che attendere. #Pubblica Amministrazione