E’ il #Natale delle polemiche, dove anche la veste grafica del cartellone degli #Eventi deliberati in occasione delle festività diventa oggetto di critica da parte dei cittadini. Ma procediamo con ordine. La Giunta Municipale di Solarino riassume nella delibera numero 219 del 20 dicembre l’elenco delle iniziative che caratterizzeranno il periodo che va dal 18 dicembre 2016 all’8 gennaio 2017. Poco più di 4 mila euro la cifra complessivamente impegnata dall’Amministrazione guidata da Sebastiano Scorpo.

Eventi in calendario

La parte del leone spetta alla Pro Loco di Solarino, che come risulta dalla conferenza dei servizi del 16 dicembre, a fronte di un contributo di 1900 euro, realizzerà le seguenti manifestazioni: il 29 e il 30 dicembre due sagre della ricotta, una davanti la Chiesa della Madonnina ed una in Piazza Plebiscito, il 23, 24 e 25 dicembre dei falò in piazza Plebiscito e durante la settimana del Natale la distribuzione di caramelle ai bambini con Babbo Natale in giro per le vie del paese.

Pubblicità
Pubblicità

Alle due Parrocchie del paese l’onere di altre iniziative in calendario , attraverso il contributo di 650 euro per la Chiesa della Madonnina e 250 per quella di San Paolo Apostolo. Al Corpo Bandistico Musicale città di Solarino andranno 500 euro per un concerto di Capodanno in aula consiliare. I Cantunovu si esibiranno per 900 euro il 30 dicembre in Chiesa Madre.

Polemica sulle locandine

Come scrivevamo, non sono mancate le polemiche, di cui è facile leggere sul gruppo di discussione Solarino 2.0, presente su facebook. Al netto di un impegno economico molto contenuto da parte dell’Amministrazione comunale, alcuni professionisti nel settore della grafica hanno anche paragonato la realizzazione “scolastica” dei volantini con il programma natalizio di Solarino a quella molto professionale della vicina città di Floridia.

Pubblicità

Scrive Ciccio Mangiafico: “Non si capisce quanto sia importante una locandina fatta bene. Adesso presentiamo il Natale Solarinese con questa oscenità. Forse qualcuno ha il gusto dell’orrido”. #Pubblica Amministrazione