Il ministro tedesco Schaeuble ha rassicurato tutti dopo la vincita del NO al Referendum italiano "Non ci saranno ripercussioni sulla moneta unica". La Merkel, dispiaciuta delle successive dimissioni del Premier, ha dichiarato "Con Renzi abbiamo lavorato molto bene".

Le reazioni alla vincita del NO

"Con Renzi abbiamo lavorato molto bene" ha affermato Angela Merkel, "Gli italiani hanno ripudiato l'UE e il Premier" ha dichiarato la Leader del Front National, Le Pen. Reazioni avverse in merito alla vincita del NO al #referendum costituzionale. Per quanto riguarda il piano economico e istituzionale, l'Unione Europea ha invitato a non disperarsi specificando che "La crisi italiana non sarà l'inizio di una nuova crisi dell'Eurozona".

Pubblicità
Pubblicità

Il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert, in una conferenza stampa ha spiegato come la cancelliera tedesca si sia rammaricata delle dimissioni di Renzi visto che con lui aveva lavorato molto bene. Seibert ha voluto precisare che il governo tedesco farà di tutto per svolgere a pieno una collaborazione amichevole con il governo italiano.

Nigel Farage, populista britannico, ha dichiarato che questo No al Referendum costituzionale, rappresenterebbe un "colpo di piccone all'#euro, che ha portato maggiore povertà agli italiani".

E anche la Le Pen sembra essere in accordo tanto che ha dichiarato apertamente che il popolo italiano avrebbe ripudiato tutta l'UE e Renzi.

La BBC ha annunciato le dimissioni di Renzi

La BBC ha annunciato in diretta le dimissioni di Renzi con la frase "Il Premier Italiano si dimette dopo la pesante sconfitta elettorale".

Pubblicità

Le dimissioni di Renzi si sono successivamente diffuse su tutti i giornali e telegiornali come il Telegraph, Guardian, The Times, l'Economist, il Financial Times, The Sun; tutti con titoli che dichiaravano la sconfitta di Renzi al governo.

Si sta già pensando ovviamente al nuovo governo e tra i probabili candidati emergono Padoan e Grasso in prima linea, per una probabile formazione di un governo di scopo. #Matteo Renzi