Continua l’assedio mediatico-giudiziario nei confronti del M5S, denunciato tra gli altri dallo stesso Beppe Grillo, e dal direttore de La Verità Maurizio Belpietro. L’ultima tegola ad abbattersi sul Campidoglio è stato il parere negativo pronunciato dall’Anac di Raffaele Cantone in merito al ruolo assegnato in comune al fratello di Raffaele Marra. Un presunto conflitto di interessi che, affermano con certezza granitica i Media mainstream, potrebbe portare ad un avviso di garanzia per il sindaco M5S. Oggi i grillini provano a difendersi per mezzo di una intervista rilasciata da Daniele Frongia, vicesindaco appena esautorato, al Fatto Quotidiano, in cui il fedelissimo della Raggi prova a controbattere alle post-verità propagandate dai Media.

Pubblicità
Pubblicità

Ma a far discutere e riflettere sono le immagini, girate in #Quirinale il 20 dicembre scorso in occasione del tradizionale scambio di auguri natalizi tra le massime cariche dello Stato, di #Virginia Raggi ignorata e trattata come un’appestata (con la sola eccezione di Renato Brunetta) dagli altri invitati vip. Dimostrazione plastica della distanza siderale esistente tra gli ultragarantiti detentori del potere e i super precari cittadini italiani.

Il video della Raggi sola al Quirinale

Il video, che è già diventato virale sul web, dura circa un minuto e mezzo. Si vede la Raggi fare il suo ingresso nell’ampio salone quirinalizio dopo aver chiesto informazioni ad una addetta all’accoglienza. Di fronte a lei si trova, per puro caso, il capogruppo alla Camera di Forza Italia, Renato Brunetta, intento a discorrere con un collega.

Pubblicità

Appena avvistata la Raggi, il ‘pitbull’ forzista le si fa incontro e si scioglie in una calorosa stretta di mano, accompagnata da parole di circostanza che non si possono udire. Poi, l’amministratore locale più inquadrato e fotografato della storia d’Italia, si dirige verso il posto a sedere a lei assegnato. Un vero e proprio muro di papaveri di Stato le impedisce il passaggio facendo anche finta di non riconoscerla.

Rapida e gelida stretta di mano con i ministri della Giustizia Andrea Orlando e dell’Economia Pier Carlo Padoan. Poi, il video stacca per riprendere con la solita immagine della Raggi isolata tra le sedie dorate e purpuree. A quel punto, si sentono nitidamente le voci dei due operatori che riescono ad immortalare la scena. “Guarda che immagine, da sola!”, dice il primo quasi stupefatto. “Ce l’ho, ce l’ho”, risponde il secondo facendo riferimento all’inquadratura. Altra rapida stretta di mano, mentre alcuni degli astanti la fissano senza farsi notare, quasi che stessero osservando un animale esotico allo zoo. Infine, la prima cittadina di Roma, si avvia un poco spaesata verso l’uscita tenendo in mano il suo smartphone, come si fa di solito quando ci si sente a disagio. Il video si chiude così, ma l’impressione diffusa è che i membri della #casta considerino lei, e tutti quelli del M5S, come degli intrusi.