Un importante argomento di cui adesso andiamo a trattare è il lavoro.

Con questa crisi economica sono tante le famiglie e i giovani in cerca di un occupazione stabile, sempre più ragazzi e ragazze vivono nell'abitazione con i propri genitori, proprio perché quello che manca è un lavoro che permette di vivere e di iniziare una vita propria. Con il nuovo Governo Gentiloni l'argomento lavoro rientra nelle sue priorità come Garanzia Giovani 2017 ed il Corpo Europeo di Solidarietà.

Come tutti noi sappiamo, nei giorni scorsi è stata approvata la legge di stabilità 2017, ma vediamo quali provvedimenti significativi per il nostro paese sono stati inseriti in questa legge:

-Per quanto riguarda il fronte occupazionale si è voluto valorizzare il Welfare Aziendale, cioè, un insieme di prestazione con lo scopo di superare la componente monetaria della retribuzione per sostenere il reddito e migliorare la vita privata di ogni singolo cittadino.

Pubblicità
Pubblicità

-Confermati gli sgravi sociali riconosciuti ai datori di lavoro che firmano (tra il 1° Gennaio 2017 e il 31° Dicembre 2018) contratti di lavoro a tempo indeterminato, risparmiando denaro circa 3.250 euro, questa agevolazione ha una durata di massimo 36 mesi.

-Congedo parentale, sono stati stanziati fondi per un padre di famiglia con un lavoro dipendente e deve beneficiarne obbligatoriamente entro i primi 5 mesi dalla nascita del figlio, per quanto riguarda la madre, se si tratta di un lavoro autonomo potrà usufruirne sotto forma di Voucher per asilo nido o baby sitter.

Un altro fattore che riguarda la legge di stabilità è il canone Rai, che pur essendo diminuito da 100 a 90 euro, verrà inserito nelle bollette di luce diviso in 10 rate da 9 euro l'uno in più per ogni bolletta ricevuta, chi però non possiede alcuna televisione può richiedere, ovviamente l'esonero di questo pagamento dichiarando di non avere nessuna televisione in casa ne lui ne nessun altro componente della famiglia, quindi da Gennaio a Ottobre non ci resta che pagare questo canone.

Pubblicità

#leggedistabilità #POLITICAITALIANA #Pensioni