O è un geniale atto di vandalismo, una metafora simbolica; oppure è un modello proposto da un insistente architetto il #Muro comparso brevemente a circondare la stella di #Donald Trump sulla Walk of Fame di Hollywood questa settimana.

Contornato da filo spinato, da cartelli in inglese e spagnolo che invitavano a mantenersi lontano e da bandiere statunitensi, non sorprenderebbe quasi nessuno se fosse stato commissionato dallo stesso presidente degli Stati Uniti.

Ciononostante sembra che il muro alto 15 centimetri sia in realtà il lavoro di un artista di strada conosciuto come 'Plastic Jesus'.

Jesus è stato ovviamente ispirato dalla promessa di Trump di costruire un 'grande, grande muro' lungo il confine tra USA e Messico se fosse stato eletto presidente, in modo da mantenere gli immigrati illegali, fonte di buona parte della criminalità a stelle strisce, fuori dal proprio paese.

Pubblicità
Pubblicità

L'autore

Intervistato da 'Artnet', Jesus ha spiegato che mentre altri artisti si sono concentrati su attacchi personali contro il candidato del partito repubblicano, lui ha preferito dedicarsi a ridicolizzare la sua politica dannosa per tutta l'America.

"Cose come i diritti umani, l'uguaglianza, la libertà, la legge e l'ordine sono migliorate enormemente nelle ultime decadi. Io ritengo che Trump non farà altro che riportare il paese indietro di trent'anni", ha poi aggiunto.

Ma questa opera d'arte non è la prima realizzata da Jesus contro Trump. A settembre, in occasione del dibattito repubblicano in California del sud, l'artista di strada ha creato delle mazzette di banconote da cento dollari, molto somiglianti alle originali, su cui era impresso il viso di colui che sarebbe diventato il nuovo presidente e avvolte da delle fascette su cui era scritto "completely worthless" ovvero "di nessun valore".

Pubblicità

La reazione dei passanti

Molti turisti meravigliati si sono fermati a scattare foto all'opera d'arte che è stata creata martedì e rimossa il giorno dopo.

Tralasciando l'ovvia domanda relativa al perchè il presidente repubblicano abbia una stella sulla Walk of Fame di Hollywood, un interrogativo resta irrisolto: chi l'ha pagata?

La sua stella è già stata oggetto di una serie di deturpazioni, da parte dei passanti, che andavano dagli sputi sul nome fino al disegno di una svastica, ma sembra che questa stia diventando un'abitudine visto quello che è successo alla stella di Mariah Carey vandalizzata due settimane fa. #WallofFame