L'anticipazione di tesoreria è un debito a breve scadenza che il Comune contrae con il suo tesoriere (che nel caso di Solarino è l'Agenzia Unicredit S.p.A.) a causa di mancanza di liquidità e che il tesoriere può effettuare solo dopo aver verificato che il Comune abbia esaurito determinate disponibilità. I comuni possono chiedere un'anticipazione di tesoreria fino ad un massimo possibile che corrisponde ai 5/12 delle entrate accertate nel penultimo anno precedente la richiesta. Questa premessa è utile ad avere una chiave di lettura della delibera di Giunta comunale numero 5 con cui mercoledì mattina l'Amministrazione Scorpo a Solarino, dopo avere già chiesto a dicembre un'anticipazione per il 2017 pari ai 3/12, ha elevato la propria richiesta a 5/12, arrivando così a 2,8 milioni di euro di anticipazione.

Pubblicità
Pubblicità

Sarcastica reazione del M5S

Non si è fatta attendere sui social network la reazione dei più attenti alle vicende amministrative del paese. Sul gruppo "Sutta a macchia da Libertà" (che fa riferimento all'albero della piazza principale di Solarino), Alfredo Cavarra, attivista del Movimento 5 Stelle, commenta con tono sarcastico la decisione della Giunta guidata da Sebastiano Scorpo, promettendo ironicamente ricchi premi per il risultato raggiunto e scommettendo sul fatto che possa ancora esserci qualcuno che riesca a far pagare di più i contribuenti solarinesi. Di per sé, la delibera di Giunta comunale resta criptica, in quanto, nella parte motiva, si limita a dire che il Comune effettua questa richiesta perché ne ha la necessità.

Michele Gianni: il Sindaco fornisca spiegazioni

Di fatto, in Consiglio comunale, non sono mancati anche in passato i rilievi sulla gestione economica dell'ente da parte dell'Amministrazione, grazie agli interventi dei consiglieri comunali di opposizione.

Pubblicità

Tra questi, Michele Gianni, che già lo scorso primo dicembre, sentito in merito, sottolineava come il ricorso alle anticipazioni non fosse addebitabile ai ritardi degli introiti di Stato e Regione e che il Comune dovesse fornire ai cittadini spiegazioni più esaurienti, perché da Stato e Regione erano già arrivati diversi versamenti. #Elezioni Amministrative #Pubblica Amministrazione