#Marine Le Pen, candidata all'Eliseo, spinge per una #Frexit. La sua campagna elettorale punta molto sulle difficoltà di uno stato strangolato dalla crisi che investe l'Europa, cavalcando sapientemente il malcontento popolare. La leader del Front National fa promesse post-elettorali, nel caso in cui sarà lei ad essere eletta. Con un grande precedente come quello della Gran Bretagna, dove il popolo si è espresso in linea antieuropea, e la voglia di ritorno alle origini che si respira in alcuni Paesi della 'cittadella' europea, Marine #Le Pen parte con il suo 'attacco'. La sua linea, irreprensibilmente antieuropea, è ovviamente invisa a chi si trova a gestire l'organizzazione all'interno dell'UE, in una comunità europea che rischia un'incredibile implosione.

Pubblicità
Pubblicità

La situazione è particolarmente delicata, e gli equilibri corrono sul filo del rasoio, se l'Europa ha retto bene alla Brexit, con una Frexit rischierebbe di crollare come un castello di carte.

La Frexit di Marine Le Pen

Marine Le Pen immagina una Frexit lampo, che porti la Francia completamente fuori da qualsiasi cosa possa ritenersi vicina all'Unione Europea. Durante la campagna elettorale, si è rivolta alle persone che la stavano ascoltando tuonando queste parole: 'Se sarò eletta convocherò entro sei mesi un referendum per la Frexit'. Dunque Marine Le Pen getta benzina sul fuoco, e la sua missione è uno dei punti cardine della campagna elettorale. Facendo leva sul malcontento della popolazione, conquista pezzetti di terreno verso la conquista dell'Eliseo. Molti leader europei guardano con timore al 23 aprile, data delle elezioni.

Pubblicità

Per dire la verità, la data più temuta è quella del 7 maggio, in cui si prevede che Marine Le Pen si troverà al ballottaggio con un altro candidato.

Non solo Frexit per Marine Le Pen

La leader del Front National Marine Le Pen alza la posta. Non parla solo di Frexit, ma anche di uscita dalla Nato e dall'Euro, per tornare a battere moneta francese. La leader di FN sempre di fronte agli astanti intervenuti al suo comizio, circa 3 mila persone, ha dichiarato che l'Unione Europea è stata un vero fallimento. 'L'UE non ha rispettato i patti e mantenuto le promesse che aveva fatto. Anzi, cosa ancora peggiore, ci tiene con il guinzaglio corto.' La leader di FN si presenta alle elezioni, dichiarando di essere lì 'in nome del popolo francese.'