Quest'oggi, in un'intervista rilasciata all'agenzia Reuters, ##Donald Trump ha annunciato l'intenzione di rilanciare la politica di riarmo nucleare degli ##Stati Uniti. ''Negli ultimi anni la capacità nucleare del nostro paese è rimasta indietro'', ha affermato il presidente USA, ''non possiamo permettere che il nostro arsenale venga superato, anche se si tratta di potenze amiche''. L'intenzione di Trump, quindi, è quella di investire su un programma di ampliamento dell'arsenale nucleare statunitense, per assicurare che l'America sia sempre ''in testa al gruppo delle potenze atomiche''.

Critiche a Mosca e alla Cina

Trumpribalta non solo la decennale politica di disarmo promossa dagli Stati Uniti e seguita dalle maggiori potenze mondiali.

Pubblicità
Pubblicità

In netto contrasto, fra l'altro, con il New Start, accordo firmato nel 2010 che prevede una riduzione del 30% degli arsenali nucleari di USA e Russia.

Nell'intervista, inoltre, Trump per la prima volta dall'inizio del suo mandato critica apertamente le posizioni di Mosca sulla questione. Secondo il presidente USA la decisione della Russia di dispiegare dei missili Cruiser in acque statunitensi rappresenterebbe un'aperta violazione dei trattati internazionali relativi al controllo degli armamenti, proponendosi di parlare della questione in un faccia a faccia con #Vladimir Putin.

Trump ha inoltre commentato la situazione politica asiatica, parlando soprattutto della crescente minaccia rappresentata dalla Corea del Nord per la Cina e il Giappone. Di fronte ai frequenti test missilistici condotti dal regime di Pyongyang la soluzione migliore, secondo il presidente, è un deciso investimento in nuovi armamenti e sistemi missilistici da parte dei paesi interessati.

Pubblicità

La rotta, quindi, è quella di un massiccio riarmo per rispondere alle intimidazione della Corea del Nord. ''Se lo volesse'', afferma però Trump, ''il governo di Pechino potrebbe porre fine alla dittatura nordcoreana velocemente e con facilità'', puntando il dito contro l'immobilismo cinese (e forse la connivenza) cinese sulla questione.

#Donald Trump #Trump #Stati Uniti #nucleare #Esteri