Le donne italiane poterono esercitare il proprio diritto di voto per la prima volta in occasione del referendum in cui si decise il volto dell'Italia divisa fra monarchici e repubblicani. Un diritto conquistato con il sangue contribuendo alla liberazione dal nazifascismo e dal comunismo. L'uguaglianza fu invece sancita nella costituzione all'articolo 3 solo nel marzo del 1947.

Da allora le donne hanno combattuto in Italia 70 anni di battaglie per affermare i propri diritti e soprattutto per consolidare una uguaglianza che fatica a diventare effettiva.

L'8 marzo quindi più che una festa è una giornata del ricordo per non perdere di vista la strada percorsa e trovare le energie per affrontare le nuove insidie che si celano in questa road map rosa.

Pubblicità
Pubblicità

Il femminicidio, le discriminazioni nel mondo del Lavoro sono solo alcuni dei fronti aperti e delle battaglie da vincere di cui ricordiamo le seguenti vittorie:

  • 1950 madri lavoratrici: tutela del lavoro femminile e della necessità di assicurare alle donne, in quanto madri, una protezione adeguata e speciale.
  • 1956 donne in magistratura consentito accedere alla magistratura anche se il pieno accesso si ebbe solo nel il 1963.
  • 1958 case di tolleranza: chiusura di 560 case di tolleranza.
  • 1959 donne in armi: consentito l'accesso in polizia anche se solo nel 1999 le donne ebbero il pieno accesso alla carriera militare.
  • 1963 casalinghe: istituzione presso l'INPS della gestione separata "mutualità pensioni" per l'assicurazione volontaria delle pensioni delle casalinghe. (L. 8 dicembre 1999, n. 493).
  • 1970 divorzio.
  • 1971 tutela madri lavoratrici protezione per le gestanti - divieto di licenziamento dall'inizio della gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino - e astensione facoltativa dal lavoro per sei mesi, oltre ai tre mesi obbligatori dopo il parto.
  • 1975 procreazione responsabile: istituzione di consultori familiari.
  • 1977 divieto di discriminazione nel lavoro.
  • 1978 aborto.
  • 1981 abolizione del delitto d'onore
  • 1996 lo stupro diviene un reato contro la persona.
  • 1998 assegni familiari
  • 2000 istituzione dei congedi dei genitori e l'estensione del sostegno ai genitori di soggetti portatori di handicap.
  • 2001 introdotte misure di protezione e contrasto alle violenze domestiche.
  • 2011 quota rosa.
  • 2013 prevenzione e contrasto al femminicidio

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti vi invitiamo a continuare a seguire le news dell'autore del presente articolo.

Pubblicità

#festa della donna