Il #Governo -come anticipato nel giorni scorsi - ha annunciato questa mattina la firma di un Bando per lo stanziamento di 500 milioni di euro destinati a sostenere progetti per il rilancio delle periferie di 23 fra Comuni e Città metropolitane. Si tratta del secondo passaggio formale dopo la prima firma sottoscritta lo scorso 8 febbraio a Cagliari, messi a disposizione dall'Esecutivo guidato da #Paolo Gentiloni.

Il Governo sosterrà tutti i progetti presentati

L'impegno, ribadito quest'oggi, riguarda un primo stanziamento di 500 milioni a cui si aggiungeranno ulteriori 1.600 milioni che - assieme ad altri fondi pubblici e privati -verranno messi a disposizione delle Amministrazioni comunali interessate, per complessivi 3,9 miliardi.

Pubblicità
Pubblicità

Nei prossimi mesi - così recita la nota di Palazzo Chigi - verranno resi noti i termini per i successi stanziamenti che verranno erogati a completamento del riparto dei fondi per poter finanziare tutti i 124 progetti oggetto di domanda. Si tratta, come confermato dal Governo, della prosecuzione di un impegno già assunto dal precedente Esecutivo.

I comuni interessati

La firma di oggi ha interessato le Città metropolitane e i Comuni di #Bari, Firenze, Milano, Bologna e i Comuni di Avellino, Lecce, Vicenza, Bergamo, Modena, Torino, Grosseto, Mantova, Brescia, Andria, Latina, Genova, Oristano, Napoli, Ascoli Piceno, Salerno, Messina, Prato e Roma.

L'Anci approva la decisione del Governo

È il sindaco di Bari, nonchè Presidente dell'Anci, Antonio Decaro il primo a dare voce alla soddisfazione dei sindaci per l'iniziativa promossa dal Governo Gentiloni.

Pubblicità

"Con il bando - sono le parole di Decaro riportate nel Comunicato stampa rilasciato dall'Anci - avviamo una importante ricucitura delle periferie, luoghi non necessariamente lontani dal centro, in cui si concentra il degrado socio-economico”.

Ora l'attesa è rivolta ai prossimi anni, per i quali - è lo stesso Decaro ad auspicarlo - l'impegno sarà “quello di rendere stabile il fondo previsto per il recupero delle periferie. Vogliamo fare di questo finanziamento un pezzo importante dell’agenda urbana che stiamo costruendo con il governo”.