In attesa di conoscere la data delle elezioni politiche ed all'indomani della convention del PD al Lingotto di Torino, la riunione di questa mattina del Consiglio dei Ministri (la n. 17) ha ratificato data e testo di un nuovo #referendum abrogativo.

Pubblicità

Il tema è di quelli molto sensibili, soprattutto nell'ultimo periodo per via dell'aumento quasi sproporzionato del loro utilizzo; parliamo dei famigerati voucher per prestazioni occasionali (lavoro accessorio come scritto nella norma, ndr).

Pubblicità

Dunque un tema particolarmente caro alla comunità, considerando appunto l'utilizzo quasi incontrollato che se n'è fatto nell'ultimo periodo. Il 28 maggio 2017 sarà dunque chiesto agli italiani di votare su questa materia. Ma non è l'unica: saranno infatti due i quesiti referendari. Il secondo riguarda il tema degli appalti, altra tematica molto discussa, anche in seguito alle inchieste recenti relative al caso CONSIP.

Referendum su voucher e appalti

Questa dunque la sintesi relativa all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri. Sarà un referendum abrogativo come detto, il che significa che sarà valido solo in caso di raggiungimento del quorum ovvero sia il 50% + 1 degli aventi diritto al voto. A differenza dunque di quanto accaduto con il referendum costituzionale del 4 dicembre, stavolta la consultazione popolare sarà valida solo in caso di sufficiente affluenza alle urne. I due quesiti dunque riguarderanno la "abrogazione di disposizioni limitative della responsabilità solidale in materia di appalti" e "abrogazione di disposizioni sul lavoro accessorio (#voucher)".

Pubblicità

Trattandosi di referendum abrogativi, oltre al quorum, sarà importante sottolineare come, per dirla in termini semplificati, barrare il sì significa no e barrare no significa sì. Un discorso che si fa dai tempi del referendum per la Repubblica del 2 giugno 1946. Abrogare significa infatti annullare e dunque se l'elettore vorrà annullare la legge sui voucher dovrà votare sì, viceversa se la vuole mantenere dovrà votare no. Adesso non resta che attendere il quesito che sarà proposto sulla scheda, ma è facile attendersi che in tema di affluenza, non ci saranno problemi a raggiungere il quorum. #politica