Sta facendo discutere l’ iniziativa presa dal deputato del Movimento Democratico e Progressista Adriano Zaccagnini. L’ ex pentastellato e membro di Sinistra Italiana, 35 anni, laureato in scienze politiche e progettista Permacultura di professione, ha promosso e organizzato per la giornata di domani, 13 aprile, un incontro che si terrà alla Camera dei Deputati dal titolo: “Libertà di scelta per vaccinarsi in sicurezza”. I relatori sono un convinto pool di antivaccinisti. Molti i deputati contrari all’ iniziativa, in particolar modo è il Partito Democratico a far sentire la sua voce attraverso la deputata Giuditta Pini, che si rivolge direttamente alle Presidente della Camera Laura Boldrini, in quanto sembrerebbe poco opportuno utilizzare una sala di un luogo come il Parlamento per un iniziativa che mina il valore della scienza attraverso teorie negazioniste animate da una regressione populista anche in tema di salute.

Pubblicità
Pubblicità

Lo sfogo dell’ Onorevole Pini.

Giuditta Pini continua anche tramite social network a spiegare la sua posizione. E in particolare se la prende proprio col gruppo di esperti convocati dal collega Zaccagnini. La Pini, nella sua denuncia su facebook, afferma che i relatori del potenziale convegno sono piuttosto conosciuti e si muovono in gruppo. Elencano dati e teorie di dubbia valenza senza aver alcun contradditorio. La cosa più grave, secondo la Pini, è che la Camera dei Deputati ospiti un tale evento dopo il lavoro assiduo della commissione Affari Sociali per una corretta informazione sulle vaccinazioni.

Il dissenso delle associazioni di infettivologi e pediatri.

Il “Board del Calendario Vaccinale per la vita” che riunisce le associazioni di infettivologi e pediatri ha naturalmente fatto sentire la sua voce sulla questione, e ovviamente è una voce preoccupata e contraria allo svolgimento del convegno.

Pubblicità

Il Board infatti, sottolinea con estrema forza come la verità sui vaccini sia quella tracciata dalla comunità scientifica e dalla letteratura mondiale, mentre manifestazioni come quella organizzata dall’ Onorevole Zaccagnini ha il solo effetto di portare alla diminuzione dei #vaccini, con conseguente aumento di malattie quasi scomparse come il morbillo, a causa della perdita di efficacia del cosiddetto “effetto gregge”.

Le associazioni scientifiche che lavorano alacremente per l’osservanza di linee guida e pratiche clinico assistenziali valide, vogliono dunque rivolgersi sia alla presidente Boldirini che alla ministra della Salute #Lorenzin, affinchè si oppongano alla trasformazione dei luoghi istituzionali in covi di dannosa propaganda antiscientifica.