"Non è una questione di parità di genere o di parità tra generazioni, prediligo competenza e capacità nella gestione amministrativa della cosa pubblica, ma a parità di opportunità ne guadagnerà senz'altro la Sicilia". Questo il commento a caldo di Costanza Castello, leader regionale del movimento politico Un Passo Avanti, nel commentare i dati dello studio condotto dall'istituto Demoskopika sul grado di apertura alla partecipazione popolare nei processi decisionali nel nostro Paese. In generale, emerge un incremento della presenza di #donne e #giovani, che tuttavia risultano ancora lontani da una vera e propria parità nei ruoli decisionali delle amministrazioni locali.

Pubblicità
Pubblicità

Un Passo Avanti schiera giovani competenti

"Il dato dei giovani è in aumento - continua Costanza Castello - anche grazie alla presenza di nuovi movimenti politici che puntano allo svecchiamento della classe dirigente e noi vogliamo contribuire al raggiungimento di questo obiettivo per offrire alla Sicilia più competitività. L'esperienza è importante, ma va coniugata con idee innovative e moderne, capaci di raccogliere la sfida del cambiamento dettata dai nostri tempi. Anche in occasione delle prossime #Elezioni Amministrative dell'11 giugno proponiamo under 40 che si distinguono per la loro preparazione amministrativa. Altrimenti il rischio è quello di fare un salto nel buio".

Castello: non ci sottraiamo alla sfida

"Analogamente, la presenza delle donne nei processi decisionali va coniugata con la competenza.

Pubblicità

Sarebbe bello - conclude Costanza Castello - se nella mia provincia, Siracusa, in occasione delle prossime elezioni regionali fosse eletta finalmente una donna attraverso il meccanismo delle preferenze per rappresentare la propria provincia a Sala d'Ercole e che l'anno prossimo, per la prima volta nella storia della città capoluogo, i siracusani potessero vedere un primo cittadino donna. Noi non ci sottraiamo a questa sfida, con coraggio e autentica passione politica, ma soprattutto senza l'improvvisazione che nuoce agli interessi collettivi".