Un post agghiacciante quello comparso questa mattina sulla pagina Facebook ufficiale di Laura Boldrini, Presidente della Camera. Uno sfogo in piena regola, dove la Presidente della Camera ha spiegato come una fake news abbia coinvolto la sua famiglia e sua sorella, morta per via di una malattia.

Dopo mesi di silenzio, la Boldrini ha esternato la sua rabbia con un post su Facebook, rivolgendosi a questa fake news circolata sul social network durante la scorsa estate. L'immagine, ovviamente un falso, riportava la foto di un' attrice americana, ovvero Krysten Ritter. Veniva spacciata per la sorella della stessa Boldrini ed era accusata di gestire una cooperativa di migranti.

Pubblicità
Pubblicità

Qualche tempo dopo, stessa immagine ma accuse diverse: pensione d'oro a soli 35 anni. Ovviamente insulti e condivisioni, parole poco ripetibili e indignazione.

Lo sfogo della Presidente Laura Boldrini

La Presidente della Camera ha proseguito nel suo post facendo chiarezza sull'accaduto, specificando che è davvero incredibile come molte persone vadano a calpestare il ricordo di persone che non ci sono più. Non ci si ferma davanti a nulla, nemmeno a chi è morto. E il rispetto per la dignità umana viene coperto dalla condivisione compulsiva.

Ecco il post completo apparso questa mattina sulla pagina ufficiale:

Un'immagine falsa che ha infangato il ricordo di una persona: oltre a non esserci più, la sorella della Presidente Boldrini si occupava di tutt'altro. Ma nel mondo 2.0 non importa: un'immagine falsa è sinonimo di realtà, soprattutto se va a toccare l'interesse del cittadino.

Pubblicità

Non importa se vera o falsa, ma se è un privilegio altrui la persona in questione può ricevere qualsiasi insulto.

La campagna #BastaBufale

Lo scorso novembre Laura Boldrini ha scritto al creatore di Facebook perché istituisca un ufficio in Italia in grado di rispondere con prontezza a chi richiede di bloccare post offensivi mentre il prossimo 21 aprile, nell'ambito della campagna #BastaBufale, la Camera dei deputati ospiterà tavoli di lavoro per andare ad approfondire il tema riguardante le fake news.

Il problema delle fake news ha investito nell'ultimo periodo il nostro Paese. Troppe notizie false condivise, troppi post in cui le cariche dello stato vengono prontamente insultate da chiunque. Un immagine con sfondo nero, dove c'è una foto del politico di turno: un' accusa, che di solito riguarda stipendi o pensioni d'oro (o ancor peggio presunti complotti) e il gioco è fatto. Condivisioni virali, odio e commenti e un clima di tensione che non fa altro che alimentare un periodo storico negativo. #LauraBoldrini