Nuovi #Sondaggi politici sono stati pubblicati in questi giorni che precedono le festività di Pasqua. Il quadro che emerge, vede in testa il Movimento 5 Stelle, ma per il Partito Democratico si registra una risalita, seppur non tale da raggiungere i rivali. Alle loro spalle è sempre un continuo saliscendi per #Lega Nord e Forza Italia, che non riescono a mantenere un trend costante. Di seguito vi illustriamo le intenzioni di voto rilevate da DEMOPOLIS e LORIEN in questa seconda decade del mese di aprile..

Pubblicità

Pubblicità

Demopilis: PD recupera un po’ di terreno al M5S

Il PD è tornato a crescere dopo essere stato in flessione per parecchie settimane. Attualmente si attesta al 26,5%, dopo aver fatto registrare un incremento dello 0,5%. Il gap con il #M5S si va così a ridurre, nonostante quest’ultimo abbia aggiunto uno 0,2% alla sua quota (30,2%). In terza posizione troviamo Lega Nord con il 12,7% (-0,1%), mentre Forza Italia è appena dietro con il 12,3% (+0,3%). Ci sono delle novità per quanto riguarda i partiti minori. Rispetto alla tornata precedente è rimasto invariato il valore di FdI-An (5%), che si vede comunque allontanare il movimento del Democratici e Progressisti (4,5%), dopo la lieve diminuzione (-0,1%).

Pubblicità

Non riesce a mantenere il passo l’Area Popolare (-0,1%), che scivola al 3,1%, mentre Sinistra Italiana resta ferma al 2,5% (=). Le liste che rimangono sono sotto il 2%. Il Centrodestra raccoglie complessivamente il 30% e si tiene alle calcagna dei grillini, con appena lo 0,2% di svantaggio. L’affluenza alle urne viene stimata in calo ulteriore, visto che ad oggi sarebbe al 66%.

Lorien: ripresa di Lega Nord e di Forza Italia

Il movimento di Beppe Grillo è l’unico tra i grandi a non incrementare la propria percentuale rispetto alla volta scorsa. I pentastellati, infatti, scendono al 29,2% (-0,3%) e si vedono avvicinare il partito di Matteo Renzi. Quest’ultimo (+0,4%), sale al 27,4% andando così a ridurre lo svantaggio dalla vetta. Passo avanti anche per i partiti di Matteo Salvini e Silvio Berlusconi, rispettivamente attestati al 14% (+0,1%) e al 12,6% (+0,9%). Dalla stessa parte dello schieramento politico è in calo Fratelli d’Italia (-0,6%), che si riduce fino a raggiungere il 3,4%. C’è poi AP al 3,1% (+0,3%) che si porta in scia. Brusco arretramento anche per MDP (-0,6%), che scende al 2,6%, così come per il Campo Progressista (-0,5%), che si trova al 2,3%. Abbiamo poi SI al 3,1% (+0,4%). Ottengono l’1% sia le liste di CDX, che di CSX, mentre i rimanenti partiti sono allo 0,2%. Vi lasciamo invitandovi a seguirci per ricevere altre news sui sondaggi elettorali.