I militanti #M5S hanno dato vita oggi alla marcia Perugia-Assisi per il reddito di cittadinanza. Il movimento 5 stelle con questa marcia tornerà a ribadire le proprie opinioni su questo argomento. Circa 1500 persone provenienti da diverse zone d'Italia hanno partecipato al corteo, dichiarando che non è solo una questione di soldi ma di rimettere al centro l'individuo, slogan della marcia.

Reddito di cittadinanza, come vuole finanziarlo il M5S?

Nel caso di salita al governo, il M5S dichiara che il primo provvedimento sarà proprio quello riguardante il reddito di cittadinanza. I finanziamenti per attuarlo verranno da numerosi tagli in quei settori su cui il Movimento è più critico, vale a dire banche, assicurazioni, multinazionali del gas e del petrolio, a cui si andranno ad aggiungere i tagli ai costi della politica su cui il M5S ha fondato la sua ascesa: dunque vitalizi , auto blu, indennità parlamentari etc.

Pubblicità
Pubblicità

senza dimenticare la chiusura del CNEL, salvatosi nel referendum dello scorso 4 dicembre. Attraverso questi tagli il M5S è certo di raggiungere la soglia dei 20 miliardi, valore stimato dal movimento per la realizzazione del reddito di cittadinanza.

Obblighi del cittadino per beneficiare del reddito di cittadinanza

Vi sono degli obblighi per il cittadino destinatario e beneficiario del reddito di cittadinanza, quali iscriversi presso i centri pubblici di impiego e offrire un contributo di massimo 8 ore settimanali presso i progetti sociali del Comune di residenza. I controlli saranno poi affidati agli stessi centri pubblici di impiego. Va ricordato che l'Italia, insieme con la Grecia, è l'unico paese dell'Unione Europea a non avere il reddito di cittadinanza. Un finanziamento che, secondo il Movimento 5 Stelle, restituirebbe dignità alle persone in gravi difficoltà economiche.

Pubblicità

"Basta scuse", dice il fondatore del M5S, Beppe #GRILLO, secondo cui è ormai chiaro che le coperture per il reddito di cittadinanza ci sono [VIDEO]. Tale provvedimento sarà a favore di tutte quelle famiglie che non raggiungono i 9360 euro l'anno e, dunque, rientrano nel rischio povertà. Per ulteriori informazioni si può consultare la tabella con tutte le coperture indicate per il reddito di cittadinanza. Numerosi sondaggisti hanno dichiarato che nelle prossime elezioni sarà determinante il voto dei poveri, che con il provvedimento auspicato dai 5 Stelle si vedrebbero assicurate molte più certezze in termini di lavoro. #@redditodicittadinanza