Il presidente della #Camera dei Deputati Laura Boldrini difende gli immigrati clandestini che vengono nel nostro paese. Quella del presidente della camera, è un'affermazione che farà sicuramente infuriare gli elettori di destra e tutti gli altri scettici sull'invasione di migranti che entrano in Italia, per ricevere cure, cibo ed assistenza, oppure semplicemente per scappare dalla guerra. La politica, attualmente appartenente al Gruppo Misto dopo aver abbandonato il suo ex-partito Sinistra Ecologia Libertà, esercita l'incarico di presidente della Camera dei Deputati dal giorno 16 marzo 2013. E' la terza donna a ricoprire tale carica, dopo Nilde Iotti e Irene Pivetti.

Pubblicità
Pubblicità

A favore dell'immigrazione

Il presidente della Camera dei Deputati (o "presidentessa" come vuole e pretende di farsi chiamare), giustifica la venuta dei milioni di immigrati che, ogni anno, entrano nel nostro paese. L'intervento è stato fatto durante la Conferenza internazionale dei parlamentari. Ecco le parole di #Laura Boldrini: "Esiste una semplice verità: non riusciremo mai fermare il movimento di milioni di persone. Dobbiamo gestire il fenomeno in modo umano. Non esistono risposte semplici ad un tema molto complesso come questo". Poi aggiunge: "Le sfide di un mondo in movimento sono uguaglianza di genere, agency delle donne e sviluppo sostenibile". La Boldrini fa anche una previsione futura, dicendo che questo fenomeno avrà una grande rilevanza e "per trovare una soluzione, bisogna fare i conti con la disuguaglianza e i conflitti".

Pubblicità

Laura Boldrini: chi è

Laura Boldrini esercita la funzione di presidente della Camera dei Deputati dal 16 marzo 2013, dopo essere stata eletta in parlamento con 327 voti su 618 votanti. La politica è sempre stata criticata per le sue posizioni sempre a favore degli immigrati clandestini e delle donne, un sostegno talmente eccessivo, a volte, che sui social si sono scatenate molte critiche verso di lei nel corso degli anni. La Boldrini ci tiene che il nome dei mestieri delle donne abbiano anche una denominazione femminile, tanto che nel 2016, durante un dibattito, affermava che "non declinare al femminile è sessista". Una "battaglia" che la Boldrini sta sempre combattendo. Qualche mese fa, su Twitter, aveva scritto un post il seguente post: "Molte donne inviate da Tv italiane a elezioni Usa. Ma perché nei sottopancia abbiamo letto 'dal nostro corrispondente, dal nostro inviato'?". Tali sono le idee di Laura Boldrini. #immigrazione