Tutti conosciamo la svolta dell’amministrazione #Trump riguardo alla gestione del territorio e alla salvaguardia del clima rispetto all’Ecologista Barak Obama. Ivanka , la ‘first daughter” (o prima figlia) può salvare l’accordo sul clima di Parigi?

Tra i diplomatici che si sono riuniti a Bonn, in Germania, c'è la consapevolezza che la persona veramente chiave per il futuro progresso dei colloqui sul clima non è in Germania ma alla Casa Bianca, a circa 6.500 km di distanza. Il nome di Ivanka è menzionato con una miscela di riverenza e speranza per la ripresa positiva del dialogo sul clima mondiale.

Per i paesi ricchi e poveri, è stata vista da molti come la migliore scommessa per mantenere gli Stati Uniti nell’accordo climatico di Parigi.

Pubblicità
Pubblicità

Ma qual è il vero stato degli accordi? E’ un illusione pensare nella ripresa dei dialoghi?

"Sono tempi pazzeschi, e stiamo cercando di influenzare con tutti gli strumenti e le tattiche a nostra disposizione", ha detto un delegato che da molto tempo segue questi colloqui.

L'influenza politica di Ivanka

Alcuni ben informati dicono che Ivanka Trump sta andando in giro per sostenere l'accordo di Parigi, parlando con i membri del governo e cercando di farli riflettere su questo tema.

"Sta facendo molto di più di tanti politici, che hanno dichiarato di essere favorevoli all’accordo di Parigi, ma non lo hanno sostenuto attivamente". Gli attivisti ambientalisti degli Stati Uniti e di altri nazioni sono stati invitati a mettersi in contatto con la Casa Bianca e cercare di parlare con Ivanka, la donna, che sembra essere stata incaricata di una revisione della politica climatica statunitense.

Pubblicità

"Usate questi punti di discussione per la vostra chiamata e assicuratevi di dire all'operatore che state lasciando un messaggio per Ivanka Trump", ha detto un’attivista la scorsa settimana. "Salve signora Ivanka, ti chiamo con la speranza che farai di tutto per convincere tuo padre a non abbandonare l'accordo sul clima di Parigi, usa la tua " influenza moderatrice "sulla Casa Bianca. Questa è la tua occasione per mostrarlo ", diceva l'email.

Aspettando il G7 di Taormina

Molti ritengono che il rinvio di una decisione statunitense sulla futura partecipazione all'accordo di Parigi a dopo il ritorno del presidente dalla riunione del G7 a Taormina, alla fine di maggio, è una cosa positiva. Il rinvio, potrebbe essere un buon consigliere per la squadra di Trump. "Ci sono voci molto forti negli Stati Uniti", ha detto una fonte, "Stiamo già vedendo dichiarazioni di persone importanti che hanno contribuito alla campagna Trump che avevano affermato di non stenere Parigi, ma ora lo fanno".

"Stanno cominciando a capire le basi dell’argomentazioni dell'interesse nazionale che potrebbero e dovrebbero costringere l'amministrazione di Trump a rispettare l’accordo di Parigi".

Pubblicità

Alcuni commentatori credono che il Presidente è ora in una posizione ottimale: tutti lo attendono, nessuno vuole sconvolgerlo.

Tuttavia, la situazione è improbabile che durerà più di qualche mese. Come ha detto un delegato, sarà presto il momento per lui di prendere una decisione definitiva.

Un'opzione che sta crescendo sempre più è l'idea di un compromesso volto a salvare la faccia. Dopo la riunione con altri leader mondiali, tra cui il Papa, è possibile che il presidente Trump possa rimanere e "rinegoziare" l'accordo di Parigi. "Il signor Trump è un uomo d'affari e sa che per avere successo bisogna capire cosa fanno tutti gli altri", ha dichiarato una fonte. Sicuramente la scelta finale sarà del presidente e della sua squadra ma Ivanka saprà usare dietro le quinte la sua influenza moderatrice per rinegoziare l’accordo di Parigi.