Dalle retrovie è partita la lunga rincorsa di Luigi De Magistris. Il sindaco di Napoli ormai non si nasconde più e medita il grande salto al governo nazionale. Un obiettivo concreto da inseguire, tuttavia, solo dopo aver concluso il suo mandato all’ombra del Vesuvio. Nel frattempo il suo movimento DemA ha esordito alle recenti #Elezioni Amministrative in Campania, conquistando il secondo turno a Bacoli e Arzano. Un risultato giudicato dalla critica non certo lusinghiero considerati i propositi iniziali, ma che non ha scalfito di certo la sicurezza dell’ex magistrato. La fase di rodaggio della nuova macchina è appena iniziata ma le idee restano chiarissime.

Pubblicità
Pubblicità

De Magistris ha sottolineato, in diverse interviste, di essere pronto a raccogliere la sfida di ricostruire la Sinistra italiana chiudendo la porta in faccia al Partito Democratico. “Napoli è diventata un punto di riferimento” ha affermato a più riprese, un modello da poter replicare su larga scala. Non è un caso che il sindaco abbia deciso di ripartire proprio dal Sud e dalla voglia di riscatto della sua gente. “Se la lotta la faremo in tanti nella direzione giusta - ha scritto sulla sua pagina #facebook - la strada allora si farà meno impervia”. #DeMagistris